Il mio demone custode di Giulia Nasole

il mio demone custode

Katy Miller ha diciassette anni e neanche un segreto. La sua vita scorre tranquilla: una carriera scolastica senza nessuno scossone, nessuna bugia da raccontare ai genitori, nessun colpo di testa. Almeno fino a quando, per restituire un favore alla sua migliore amica Rylee, Katy si mette nei guai, e quella che doveva essere una serata solo un po’ fuori dalle righe, si trasforma in un incubo.
Nella palestra dove Rylee l’ha portata, non si organizzano dei semplici match sportivi, ma vere e proprie lotte all’ultimo sangue tra combattenti che non hanno nulla da perdere. E alla fine degli incontri è proprio uno di loro a mettere gli occhi – e le mani – addosso alle due ragazze. Katy e Rylee sembrano non avere alcuna speranza di scappare, ma all’improvviso un altro lottatore interviene in loro aiuto: si fa chiamare Lucifer, è il campione imbattuto di ogni incontro. Combatte indossando una maschera da demone ed è giovane, violento e spietato. Nessuno sa davvero chi sia. Nessuno conosce il suo vero nome.
Katy è convinta che non rivedrà mai più il ragazzo misterioso che, dopo averla salvata, è scomparso senza lasciare traccia. Finché una mattina, a scuola, nel banco accanto al suo, compare un nuovo studente. È arrogante e sfrontato, e durante le lezioni si comporta come una tigre in gabbia. Si chiama Caleb Hale. Ha lo stesso identico sguardo che Katy ha visto di sfuggita sotto la maschera di Lucifer.
Adesso, anche Katy ha finalmente un segreto.
Solo che non sa fino a che punto può essere pericoloso.

 

Il mio demone custode di Giulia Nasole, young adult in uscita domani, 31 ottobre, grazie a cignonero.

Ero davvero curiosa di leggere questo romanzo e la mia curiosità è cresciuta quando ho visto la classe dell’autrice, 2001. Giulia ha scritto Il mio demone custode su wattpad all’età di sedici anni, io a sedici anni non mi sarei mai nemmeno sognata di fare una cosa del genere, non ne sarei in grado nemmeno adesso, ma questa è tutta un’altra storia.

Ammiro tantissimo i ragazzi che hanno un obiettivo e si impegnano a perseguirlo e non posso fare altro che ammirare questa ragazza che non solo si è buttata, ma ha anche raggiunto un ottimo risultato. Questo young adult è un punto di partenza che mostra tutto il suo potenziale e sono certa che nei successivi volumi della trilogia (il secondo uscirà a maggio 2020) metterà in luce in modo ancor più incisivo le sue doti.

Il mio demone custode si legge in una manciata di ore, complice il linguaggio immediato e la storia lineare, i colpi di scena non sempre riescono a cogliere il lettore impreparato (credo che questo dipenda dalla mia età decisamente avanzata) ma non lasciano mai la sensazione di già visto. Giulia scrive per la sua generazione, non ha la presunzione di adattare il testo a un pubblico più adulto e credo che questo sia un grande pregio. Le emozioni della protagonista Katy arrivano dritte, senza filtri, ciò che lei sente, ciò che lei vive, le sue paure, le sue incertezze, tutto viene messo di fronte al lettore che deve decidere se entrare dentro al romanzo o restare uno spettatore.

Io ho deciso di essere Katy, mi sono lasciata trasportare ai miei diciassette anni e l’ho fatto senza remore, senza paure perché i libri vanno vissuti al 100% per poterli giudicare senza schermi, senza ipocrisie e senza pregiudizi. Come mi sarei comportata a diciassette anni? Katy è la trasposizione su carta di tutte noi a quell’età. Katy non si sente bella, Katy non si sente capita dai suoi genitori, Katy è una brava ragazza che per una volta nella vita vuole ascoltare il suo istinto e non restare chiusa in casa mentre il mondo fuori va avanti. La caratterizzazione della protagonista mi è piaciuta davvero tanto, la scelta di non farla strafare la rende riconoscibile ed è semplice immedesimarsi in lei.

Una sera la sua migliore amica la costringe a mentire ai suoi genitori e ad accompagnarla a un incontro di lotta clandestina, sarà proprio questa trasgressione (che non le andava nemmeno di fare) a stravolgere la sua vita. La lotta non è esattamente una delle cose che Katy preferisce, lei è una ragazza tranquilla e tutta quella violenza la mette in difficoltà. Certo il suo guardo viene catturato dal re del ring, Lucifer, un ragazzo di cui nessuno conosce l’identità che correrà in soccorso di Katy e Rylee quando ne avranno più bisogno. Ad ogni azione corrisponde una reazione, spesso anche spropositata, e ai ragazzi che le stavano importunando non andrà giù questa intromissione. Lucifer non ha mai mostrato interesse verso nessuno e il fatto che sia accorso a salvare Katy li mette in allarme, facendo credere loro di poter arrivare a conoscere l’identità di Lucifer e poterlo finalmente eliminare dalla scena.

Katy rimane molto scossa dall’accaduto, la serata sarebbe potuta tramutare in un incubo per lei e Rylee, peccato non conoscere chi si celi dietro la maschera perché avrebbe voluto avere l’opportunità di ringraziarlo per averle salvate. Certo Katy non potrà mai dimenticare il suo sguardo, così limpido e ferito, così indecifrabile. Uno sguardo che ritroverà nel suo compagno di banco il primo giorno di scuola. Caleb Hale è tutto ciò che detesta in un ragazzo, è spocchioso, sfrontato, arrogante ma è anche l’unico ragazzo che abbia mai attirato la sua attenzione. Peccato che Caleb sia deciso a fare qualsiasi cosa in suo potere per tenerla distante, nonostante l’attrazione verso Katy è certo di non voler rischiare di metterla in pericolo. Troppe persone vogliono la sua testa e Katy non merita di diventare una pedina nelle loro mani.

Cosa nasconde Caleb nel suo passato? Dove ha trascorso gli ultimi due anni della sua vita? Perché ha tutta questa rabbia dentro di sé che sfoga sul ring? Caleb è un mistero, un enigma da risolvere e se all’inizio Katy vuole solo tenerlo alla larga conoscendolo comprenderà che ha bisogno di qualcuno che abbia la voglia e la tenacia di salvarlo da se stesso.

Katy ha la sindrome della crocerossina, tipica di tutte le donne, ma come si fa ad aiutare un ragazzo che non ha nessuna intenzione di essere salvato? Per Katy sarà dura scalfire la corazza che si è creato, ma lei non ha nessuna intenzione di arrendersi perché Caleb è il suo demone custode e farebbe di tutto per lui, anche andare contro la sua stessa famiglia.

Come vi dicevo a inizio recensione Giulia Nasole ha molto potenziale e non vedo l’ora che arrivi il 14 maggio per scoprire come avrà deciso di far evolvere la storia tra Katy e Caleb, certa che riuscirà a conquistarmi ancora una volta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.