I giorni del panda di James Gould-Bourn

I giorni del panda di James Gould-Bourn

La vita di Danny sta andando a rotoli. Da che la moglie è morta in un incidente stradale, suo figlio Will, undici anni, non spiccica più parola. E a scuola è diventato facile preda dei bulli. Quando perde il lavoro per essere arrivato in ritardo, Danny è colto dal panico. Deve trovare una soluzione alla svelta per non finire in mezzo a una strada, come ha già pronosticato più volte il suo rude proprietario di casa. Un giorno, vagando senza meta in un parco nelle vicinanze, si ferma a osservare alcuni artisti di strada e con gli ultimi spicci che possiede decide di acquistare un improbabile costume da panda e inizia a ballare nel parco. Krystal, abile ballerina di pole dance dai modi ruvidi ma di buon cuore, prima lo prende in giro, poi però lo incoraggia a insistere. E Danny non molla. Finché un giorno, mentre si esibisce senza racimolare un centesimo, vede suo figlio insieme ad alcuni ragazzi che lo deridono pesantemente. Nel suo goffo costume da panda Danny scatta in difesa di Will che, per la prima volta dopo un anno, parla. Senza rivelare la propria identità per paura che il figlio si rifugi nuovamente nel mutismo, Danny inizia una bellissima conversazione con lui scrivendogli frasi su un blocchetto e tra i due nasce un’amicizia che permette a Will di sciogliere a poco a poco il suo dolore. Ma cosa succederà quando il ragazzo scoprirà che il panda è suo padre? E ce la farà Danny a venir fuori dal pantano in cui si è cacciato?

Attraverso una sfilata di personaggi e situazioni stravaganti, divertenti, commoventi, I giorni del panda è un romanzo che si muove perfettamente a suo agio sulla difficile linea di confine tra comicità e commozione.

I giorni del panda di James Gould-Bourn, romanzo di narrativa pubblicato ieri, 8 settembre, da Mondadori.

Che bella lettura smeraldi, devo dire che in questo periodo sono stata parecchio fortunata e sono incappata in libri che con estrema semplicità hanno molto da insegnare al lettore. I giorni del panda contiene scene di vita vissuta, difficoltà che potrebbero accadere a chiunque ogni giorno, ma ha anche quella dose di irrealtà che lo rende imprevedibile e accattivante.

I protagonisti di questa storia sono fuori dagli schemi, ma allo stesso tempo pieni di quell’umanità che te li fa sentire subito affini, come se li conoscessi da sempre.

Danny è in grado di incasinarsi la vita all’inverosimile, a lui va la statuetta di miglior attore protagonista. Quel che fa lo sbaglia e quando non lo sbaglia ci pensano gli altri a distruggerlo. Danny è un giovane papà vedovo, purtroppo la moglie è morta in un incidente stradale e il suocero addossa a lui la colpa dell’accaduto benché non fosse nemmeno presente. Invece era presente il figlio Will, che dall’incidente di un anno prima, non ha più emesso nemmeno una parola. Mutismo selettivo verrebbe da pensare, forse il trauma è stato talmente grande da bloccarlo, sta di fatto che per Danny è difficile digerire la morte della moglie e il figlio che non parla. Come se questo non bastasse i soldi scarseggiano, di aiuti dall’esterno non ne giungono e le bollette si accumulano. Il giorno che determina la svolta, in positivo o in negativo bisognerà scoprirlo, è quello in cui riceve delle minacce nemmeno molto velate dal padrone di casa che non solo pretende i soldi dell’affitto, ma vuole pure gli interessi altrimenti Danny non se ne andrà via sulle sue gambe. Una personcina molto a modo insomma. Questa incursione improvvisa fa arrivare Danny in ritardo al lavoro e viene licenziato. Dopo aver inviato tantissimi curricula si rende conto che non ha nessuna specializzazione che lo renda appetibile, è un inetto che verrà sfrattato e che si ritroverà sulla sedia a rotelle con un figlio da mantenere che non parla.

Urge una soluzione e anche alla svelta, così dal nulla decide di diventare un artista di strada, peccato che la ballerina in famiglia fosse sua moglie e che lui sia un vero disastro. Per ovviare alla sua incapacità acquista in costume da panda che ha visto tempi migliori e fin dal principio capisce che è molto più dura di ciò che avrebbe mai potuto immaginare, pensate che viene anche derubato da dei bambini al parco. Danny è molto demoralizzato, ma in suo aiuto con una parola di conforto arriva uno degli artisti di strada dal parco che prima di tutto gli dice che deve avere una licenza per esibirsi, deve essere in regola. Ovviamente il nostro papà non ne aveva la più pallida idea e ricorre a qualche piccolo magheggio per averla in tempi record, ma nonostante questo le sue entrate sono ridotte al lumicino e occorre inventarsi qualcosa per farcela. E il cielo porta nella sua vita una fata madrina che farebbe impallidire quella di Cenerentola ahahah una pazza di nome Krystal, ballerina di pole dance che appena lo vede in autobus lo deride facendogli una foto e mettendola sui social con #sfigato e altre carinerie simili. Krystal che però quando è il momento di metterci le palle lo esorta a non mollare probabilmente intenerita dalla sua storia. Krystal coi suoi modi ruvidi, il suo carattere difficile e il suo cuore grande è uno dei miei personaggi preferiti. Sarà grazie alle sue lezioni che Danny inizierà a credere in se stesso e a racimolare i soldi necessari per saldare i vari debiti. Ma questo travestimento gli permetterà anche di entrare nella vita di suo figlio e sentirlo nuovamente parlare, un avvenimento così inaspettato che lo lascerà interdetto, tanto da far finta di nulla per continuare a sentirlo. Will si sente capito e protetto da quest’uomo che lo ha difeso dai bulli che lo tormentano da tempo e inizia ad andare a trovarlo spesso per raccontargli la sua giornata e parlando parlando gli rivela cose che Danny non poteva nemmeno immaginare.

Certo Danny per correttezza dovrebbe palesarsi, ma voi al suo posto cosa avreste fatto? Insomma smeraldi I giorni del panda è un romanzo che vi farà attraversare diversi stati d’animo e vi darà molto da pensare, vi trascinerà nel suo vortice di eventi e vi sembrerà di avere davanti il film che si meriterebbe di diventare. Sono certa avrebbe un enorme successo in ogni fascia di età perché tratta i temi più svariati e lo fa con una semplicità unica e una buona dose di ironia. Promosso a pieni voti.

5 stelle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.