Solo con te di Katherine Louise

Guardare Maci era come avere davanti ai propri occhi la lussuria. Impossibile resistere a un tale peccato – Jasper
Lui era così, lui ti marchiava, lui ti segnava. Lui non si dimenticava – Maci

Capelli scuri perfetti, sorriso da pubblicità, sguardo felice e un lavoro che ama. Jasper Moreira ha tutto, o quasi. Ciò che vuole di più al mondo lo tratta come se non contasse più nulla e come se non bastasse è andata via. Essere un vigile del fuoco è faticoso, ma la consapevolezza di aver salvato vite conta di più. Quando però un intervento non finisce bene, Jasper si perde, permettendo al sesso e all’alcol di distrarlo dal dolore che sente al centro del petto, almeno fino a quando lei non torna e tutto viene messo in discussione.
Modelli, serate, la redazione di un giornale da mandare avanti e New York. Mackenzie Bennett ha tutto, o quasi. Ha lasciato il suo cuore a Miami, dove vivono i suoi migliori amici, dove vive lui. Ha scelto di andarsene per poter ricominciare, nella speranza di poter trovare una persona con cui condividere la propria vita.  Sarà costretta a tornare a casa per poter aiutare la persona da cui sperava di poter scappare e si renderà conto che non importa quanto lontano cercherà di andare, il filo sottile che c’è tra loro non si spezzerà.

Solo con te

Recensione di Veronica – Care lettrici eccoci giunte al terzo ed ultimo romanzo della Heroes Series di Katherine Louise,  Solo con te, pubblicato self il 25 marzo. Ma sarà davvero l’ultimo? Sinceramente spero proprio di no perché nello scorso capitolo, “Qualcuno come te” avevo conosciuto un personaggio che pensavo fosse destinato a rimanere un’apparizione secondaria, ed invece in questo ultimo capitolo anche se in poche pagine, si è fatto parecchio notare. Sto parlando di Evan il fratellastro di Ajay, il tipico ragazzaccio che vive alla giornata, tra gente poco raccomandabile, che si caccia sempre nei guai, soprattutto se in ballo c’è la sua famiglia che ha da poco ritrovato e non è intenzionato a perdere. In questo terzo capitolo però, sono altri due i personaggi che catalizzano la nostra attenzione, si tratta del super affascinante, divertente e focoso pompiere Jasper (ancora ripenso alla scena del loro ballo al locale) e della bomba sexy Macy.
Nel precedente romanzo avevamo lasciato Macy in partenza per New York dopo aver accettato un lavoro come redattrice per un’importante rivista. Il viaggio è per lei un’occasione per ricominciare, per piantare le proprie radici da un’altra parte, sciogliere i legami con un passato che la fa soffrire e che l’ha fatta diventare la donna che è oggi. Ma è davvero quello che vuole?
Tutti quelli nel mio campo avrebbero fatto qualunque cosa per avere quello che avevo io, per il ruolo di redattrice, per i viaggi oltreoceano, per il lusso. Tutti tranne me. Forse è per questo che appena ricevetti la chiamata delle ragazze impiegai dieci minuti a infilare un po’ di roba nel mio trolley e prendere il primo volo per la Florida.
Jasper rimane a Miami, e deve accettare la partenza di Macy come un dato di fatto. Sta scappando dai suoi amici, dalla sua città, da lui e non po’ fare nulla per impedirglielo.
Un giorno un episodio sconvolge Miami. Un pazzo si chiude in un palazzo minaccia di farsi esplodere, intervengono la squadra degli SWAT dove lavora Elijah e quella dei pompieri in cui è in servizio Jasper. Nonostante i tentativi, l’uomo si fa saltare in aria e molte persone perdono la vita. Questo evento colpisce Jasper nel profondo, si sente in colpa per non aver salvato tutte le persone in ostaggio. Si chiude in se stesso, prende un periodo di riposo dal lavoro, va a letto con donne di cui poi nemmeno ricorda il nome, si stordisce con l’alcool e non esce più di casa. Solo una persona può tirarlo fuori dal baratro in cui si è lanciato.
Macy fa quindi i bagagli e si fionda dal suo “odiato” amico. Il momento in cui i loro sguardi si ritrovano è carico di tensione. Jasper ha un rabbia dentro che deve sfogare. Quella per non aver salvato le persone intrappolate e quella che cova verso la donna che vuole da sempre ma che non ci ha pensato due volte a lasciarlo li da solo e partire. Ora, dopo un anno, lei è di nuovo davanti a lui e pretende di salvarlo, ma per lui l’unica medicina possibile è il sesso.
«Non sono una delle puttanelle che porti qui, con cui ti devasti per poi tornare a stare di merda. Sono qui per aiutarti, se il sesso ti aiuta per me va bene, ma solo per questa notte, andremo a letto insieme, però domani mattina ti darai una ripulita, chiamerai il lavoro e da lunedì riprendi»
E’ bastato rivederla e ritrovare con lei l’intesa che avevano per rimettere tutto nella giusta prospettiva. Jasper l’ ha sempre voluta come non ha mai voluto nessun’altra. Loro sono uguali, sempre alla ricerca di un’avventura, forse perchè semplicemente non vogliono accettare che i loro cuori sono legati da un filo sottile, che nonostante la distanza, i litigi, le battute taglienti, li ha tenuti uniti e li ha riavvicinati quando meno se lo aspettavano.

Ma da cos’è che fuggono?
Jasper e Macy condividono un momento del loro passato che li ha visti protagonisti di un tragico evento. Tuttavia hanno reagito in modo differente alla situazione, uno vivendo nei sensi di colpa, l’altra credendo di non valere abbastanza, di essere una tacca in più nelle conquiste del belloccio di turno. Ed oggi, quella storia, quelle parole celate, hanno forgiato due individui che fanno di tutto per proteggersi, che si cercano e si respingono, che a letto funzionano una meraviglia, ma vestiti sono un disastro.
Lei non era da una botta e via, io lo sapevo, lei lo sapeva, ma entrambi vivevamo in quel modo, con storie da una notte per dimenticare quella notte. Io non l’avevo dimenticata, lei ricordava solo la parte peggiore.
Come può Jasper riconquistare il cuore di Macy e convincerla che lui è l’unica persona che lei può avere accanto? Riuscirà Macy ad abbattere lo spesso muro di protezione costruito intorno al suo cuore?
«hai un modo di toccare parti di me che avevo lasciato fuori molto tempo fa nel vano tentativo di proteggere il mio cuore. Ci sono sempre riuscita, l’ho sempre protetto dal resto del mondo, ma non sono mai riuscita a proteggermi da te, non importa quante volte ho provato a tenerti lontano»,
“Solo con te” è la storia di due persone troppo spaventate dal passato per lasciarsi andare ad un sentimento che credono di non poter vivere. L’unica donna che Jasper vuole è lei, ma lui è l’unico uomo dal quale Macy sente di dover stare lontana. Macy non vuole mostrare le sue debolezze, non è la damigella da salvare, lei è quella che vuole salvarsi da sola, è quella che c’è per tutti ma non chiede aiuto a nessuno, ma in fondo, chi di noi non ha bisogno di appoggiarsi a qualcun altro? Jasper è tutto, è attento, forte, sexy, si dona a 360°, ma è anche l’uomo che l’ha fatta già soffrire una volta e non può permettersi di commettere lo stesso errore.
Il problema è che lui è uno che non si dimentica, Jasper ti entra sotto pelle e non ti lascia più andare. Ora lei è tornata e per loro sembra impossibile non cercarsi, quando sono nella stessa stanza le temperature si alzano, Jasper e Macy trasudano sessualità e sensualità, ma riusciranno ad essere in grado di funzionare anche fuori dalle lenzuola?
In questo romanzo l’autrice mette in campo due personalità che credevamo essere le più forti ma che in realtà scopriamo fragili vittime di una lotta continua tra testa e cuore, tra sentimento e paura. E se da un lato Macy rimane un peperino tenace, dall’altro il buon Jasper non è uno che ama gettare la spugna.
Fuochi d’artificio garantiti, ma con due come loro non ci si poteva aspettare altro. Il romanzo si legge velocemente anche grazie allo stile dell’autrice semplice e diretto. Unico difetto … troppo corto! Non nego avrei voluto leggere ancora qualcosa di più, come non posso nascondervi che oltre ad Evan, dedicherei dello spazio a Julian che mi ha strappato più di un sorriso.
E allora, in attesa delle prossime uscite, immergetevi in questa trilogia e fatevi conquistare da questa grande famiglia.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published.