Silver. Il libro dei sogni di Kerstin Gier

silver. il libro dei sogni

Trama Porte con maniglie a forma di lucertola che si spalancano su luoghi misteriosi, statue che parlano, una bambinaia impazzita che si aggira con una scure in mano… I sogni di Liv Silver, quindici anni, negli ultimi tempi sono piuttosto agitati. Soprattutto quello in cui si ritrova di notte in un cimitero a spiare quattro ragazzi impegnati in un inquietante rituale esoterico. E questi tipi hanno un legame con la vita vera di Liv, perché Grayson e i suoi amici sono reali: frequentano la stessa scuola, da quando Liv si è trasferita a Londra. Anzi, per dirla tutta, Grayson è il figlio del nuovo compagno della mamma di Liv, praticamente un fratellastro. Meno male che sono tutti abbastanza simpatici. Ma la cosa inquietante – persino più inquietante di un cimitero di notte – è che loro sanno delle cose su Liv che lei non ha mai rivelato, cose che accadono solo nei suoi sogni. Come ciò possa avvenire resta un mistero, esattamente il genere di mistero davanti al quale Liv non sa resistere…

silver. il libro dei sogni liv e henry

Recensione Ci ho impiegato un sacco per decidermi a leggere la seconda trilogia paranormal young adult di Kerstin Gier e credo di averlo fatto proprio al momento giusto. Mente sgombra, voglia pazza di intrighi e misteri e soprattutto tanto entusiasmo nel leggere di primi, casti, amori adolescenziali. Se cercate cose diverse passate oltre, ma se ho stuzzicato la vostra curiosità, anche solo un pochino, Silver. Il libro dei sogni di Kerstin Gier è il libro che fa per voi.

Memore di quanto avessi amato la Trilogia delle Gemme, se ve la siete persa correte immediatamente ai ripari, oppure rimediate recuperando l’adattamento cinematografico tedesco (niente male affatto), avevo aspettative altissime dalla Trilogia dei Sogni, aspettative che non sono state affatto deluse.

Devo cercare di fare una recensione senza svelarvi troppo altrimenti vi rovinerei l’intera serie e non è nelle mie intenzioni. Allora vediamo cosa posso rivelarvi…i protagonisti sono a dir poco fantastici e pure gli antagonisti hanno il loro perché.

Partiamo dai LOVE: Liv, Mia, Henry e Grayson, tutti e quattro a dir poco perfetti. Liv è la protagonista indiscussa della serie, sua la voce narrante, suoi i sogni, le perplessità, le paure, le insicurezze ed il sarcasmo, che condivide con la sorellina Mia, un amore di ragazzina, sagace, furba, simpatica e appassionata di misteri, poi c’è Henry, il primo amore di Liv, che condivide con lei la passione per “incontrarsi in sogno” (leggendo capirete) e per ultimo, ma nel mio cuore ha un angolino speciale a lui dedicato, Grayson, il fratellastro, ma molto meglio di un fratello di sangue per le due Silver, ingenuo, tenero, dolce, con degli occhi caldi come il caramello che potrebbero sciogliere anche il cuore più duro e la bella idea di dormire sempre a petto nudo. Menzione speciale al Tittle-Tattle Blog e alla trovata G E N I A L E di Kerstin Gier di inserire Secrecy, una blogger alla Gossip Girl (serie di cui sento ancora taaaanto la mancanza, ridatemi Queen B.) che conosce i segreti di tutti e non si fa nessuno scrupolo a spifferarli ai quattro venti.

Passiamo ai LIKE: Lottie, la bambinaia di Liv e Mia, per loro praticamente una sorella maggiore che riesce sempre coi suoi dolcetti e la sua allegria a portare il buon umore, un po’ meno grazie alle acconciature folli con cui intreccia loro i capelli, Buttercup, la loro cagnolona incrocio di mille razze, pazzerella e giocherellona, la mamma di Liv e Mia, docente universitario che le costringe a cambiare in continuazione residenza e spinge Liv ad avere esperienze non proprio raccomandate solitamente dai genitori, un vero spasso da leggere.

Finiamo con i DON’T LIKE (ma se non ci fossero loro non ci sarebbe la Trilogia dei Sogni, per cui li apprezzo comunque): Florence, sorella gemella di Grayson che non potrebbe in alcun modo essere più distante da lui, viziata, antipatica, egoista, un vero incubo insomma, Emily, fidanzata insopportabile di Grayson, la signorina so tutto io che ti fa chiedere ad ogni pagina Grayson cosa ci trovi in lei, pregi non pervenuti ed infine la coppia di fidanzatini più invidiata della Frognal Accademy, che fin da subito sembrano nascondere ben più di un segreto, Arthur e Anabel, tanto perfetti esteticamente quanto marci dentro.

Kerstin Gier ha uno stile unico, frizzante, divertente, leggere i suoi scritti è davvero un piacere e ha la capacità rara di tenerti incollata alle pagine e agognare tutti i seguiti che la sua mente riesce a partorire, sono letteralmente innamorata di lei.

Silver. Il libro dei sogni mi è strapiaciuto e non riuscendo a resistere ho già letto anche il secondo volume Silver. La porta di Liv. Solitamente i secondi episodi nelle trilogie sono un po’ debolucci ma questo non accade mai nelle trilogie di Kerstin Gier. Allora cosa ne dite, vi ho fatto venire voglia di correre in libreria?

bellissimo

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Settembre 7, 2016

    […] Silver. La porta di Liv, a mio modesto parere, è stato addirittura migliore del primo capitolo Silver. Il libro dei sogni. Impossibile direte, niente affatto, provare per […]

  2. Settembre 8, 2016

    […] corridoio e alle porte che proteggono i sogni di ognuno di noi e che tanto ho imparato ad amare in Silver. Il libro dei sogni e in Silver. La porta di Liv. Non mi sento per niente pronta ad abbandonare i quattro moschettieri: […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.