Scent of Darkness di F.N. Fiorescato

Trama Un mantello nero, una falce che riflette la luce morente di una pallida luna piena e un teschio nascosto da un oscuro cappuccio, il Tristo Mietitore non potrebbe essere più diverso dalle classiche rappresentazioni. Occhi come il cielo dell’estate, capelli color del grano maturo e un’aura di tristezza che lo accompagna in ogni spostamento tra il mondo dei vivi e quello dei morti, Blake Yama è la Morte e accompagna le anime tra le placide acque del fiume Adhara in modo che rinascano ancora e ancora, in un dolce circolo senza fine. La sua condanna, però, è quella di rivivere, epoca dopo epoca, la fine della storia con la sua anima gemella. Impossibilitato a spezzare la maledizione che lo accompagna da secoli, Blake continua a cercare il suo unico amore, a vivere la loro storia e poi a vederlo morire, senza poter fare nulla per evitarlo.
Dopo anni di attesa, viene richiamato dall’inconfondibile profumo di mughetto nella cittadina di Cobh, in Irlanda, per ritrovare di nuovo la sua anima gemella, ma questa volta il destino ha deciso in maniera diversa. Questa volta il dolore di Blake sarà più forte.
Logan lavora in un pub, sogna il grande amore e, nel bel mezzo di una serata tranquilla, incontra l’uomo più bello che abbia mai visto. Ma Blake nasconde dei segreti e Logan non è sicuro di volerli scoprire. Nel momento in cui gli occhi azzurri dell’uomo incontrano quelli di Logan, il ragazzo vede il suo futuro? Oppure, ciò in cui deve credere è sepolto nel passato di entrambi?

Scent of Darkness di F. N. Fiorescato pubblicato il 10 giugno 2019, dalla Quixote Edizioni

Smeraldine, avete mai immaginato l’aspetto della Morte? Sì, lo so, è qualcosa a cui difficilmente pensiamo, o su cui ci soffermiamo più di tanto. In questo caso, però, la storia che ci regala questo duo di autrici che, ammetto di leggere per la prima volta, parla proprio del Tristo Mietitore. E anche se l’iconografia classica, da sempre, ci presenta questa figura mistica, come un essere incappucciato e armato di falce, le Fiorescato, ne danno un’immagine completamente differente. Blake Yama, questo il suo nome, è alto, biondo, ha un fisico possente e due occhi azzurri come il cielo d’estate. Da sempre, però, un’ombra di tristezza vela il suo sguardo, una tristezza dovuta non solo al lavoro di traghettatore di anime che svolge, ma soprattutto al dolore di rivivere, generazione dopo generazione, la perdita della sua anima gemella. La sua è una maledizione, un circolo vizioso che continua all’infinito. Ogni volta che ritrova l’uomo che ama da un’eternità, finisce per vederlo morire e per accompagnarlo di nuovo nell’attraversamento del fiume Adhara, per reincarnarsi. Secolo, dopo secolo, la sua anima continua a cercare il profumo di mughetto, essenza del suo amato e, dopo anni di attesa, questa volta lo ritrova a Cobh, in Irlanda dove, però, per la prima volta da sempre, il suo amato non lo riconosce al primo sguardo, come è sempre successo. Il dolore di Blake è centuplicato, è già stato ed è fin troppo difficile per lui accettare di ritrovarlo sotto sembianze e nomi sempre diversi nel corso delle epoche, ma non essere riconosciuto per la prima volta, dopo tanti secoli, è un fatto inesplicabile. Per la prima volta nella sua vita millenaria, Blake, l’essere speciale, l’uomo che ha amato solo la sua Anima Gemella, ha paura, paura di averlo perso per sempre. Una paura atroce di non poter più baciare quelle labbra che sono sempre diverse ma che hanno sempre lo stesso sapore.

         “Cosa ne sarebbe stato della sua vita senza la sua anima gemella a fianco? Passare attraverso i secoli senza il conforto di un abbraccio, il calore di una carezza e quel senso di appartenenza che solo l’amore gli aveva fornito.”

Logan è un giovane uomo con una vita serena, una famiglia che lo ama e il sogno di un grande amore. Quando incontra Blake per la prima volta, pur non riconoscendolo come la sua anima gemella, ne rimane fortemente colpito ma capisce fin da subito che l’uomo gli nasconde qualcosa. Blake non può svelargli nulla ma non può nemmeno arrendersi, ha bisogno che il giovane lo riconosca e, quindi, inizia a corteggiarlo come se fosse il loro primo incontro. Perché per Blake, Logan è tutto:

“Tutto il mondo di Blake si poteva riassumere con un solo nome, che cambiava ogni volta, ma apparteneva sempre allo stesso uomo, lo stesso che aveva sgretolato il suo cuore davanti ai suoi occhi, pochi attimi prima.”

Ma anche Logan ha le sue paure, a livello inconscio non vuol più veder soffrire l’uomo che ama da sempre e forse, l’unico modo per far si che Blake sia finalmente felice, è che si dimentichi per sempre di lui. Ma l’amore, quello che vivono in modo così assoluto da secoli, non può abbandonarli nemmeno questa volta, solo che, quando finalmente avranno modo di spiegarsi e di amarsi, il destino viene a bussare di nuovo alla loro porta e questa volta, il risultato potrebbe non essere più lo stesso.

Non aggiungo altro perché la storia ha un grande fascino a partire dai personaggi principali che hanno conosciuto nei secoli pochi istanti di felicità e che, nonostante tutto, non hanno fatto altro che cercarsi e riconoscersi, in alcuni frangenti anche per una manciata di giorni o di minuti, prima di perdersi di nuovo. La loro è una storia d’amore vero, uno di quelli che non conosce limitazioni. Lo stile delle autrici, poi, è molto semplice, lineare, e in alcuni tratti, oltre ad una profonda commozione hanno saputo trasmettermi una sorta di pace e di tranquillità, infondendomi una luce di speranza. Quella luce che dovrebbe avvolgere l’anima di ognuno di noi, spingendoci a combattere le battaglie che la vita ci mette davanti e a lottare con tutte le nostre forze per raggiungere le mete che ci prefiggiamo. La magia che pervade tutto il libro ha fatto si che mi ricordassi di quando da ragazzina, avendo avuto qualche esperienza di dejà vu, ero convinta di aver vissuto un’altra vita o di averne una parallela. Quindi posso solo immaginare cosa hanno dovuto sopportare i nostri protagonisti nel corso dei secoli, soprattutto Blake, che ha sempre ricordato tutto.

Consiglio la lettura di questo libro a tutte coloro che hanno voglia di sognare e perdersi nei meandri della fantasia, a coloro che sono affascinate dalla mitologia e non disdegnano di vederne una nuova versione. Ora, per quanto mi riguarda, spero di non dover attendere molto per poter leggere una nuova avventura di questa serie, perché ogni tanto, le ambientazioni particolari hanno il potere di infondere nuova vitalità alle mie e, spero, anche alle vostre letture.

5 stelle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.