Review Party – Tutto per te di Laura Gay

Trama
Un giorno di passione.
Un matrimonio di convenienza.
E se l’epilogo fosse tutto da scrivere?

Il giorno del matrimonio della sua amica Eva, Fiamma finisce a letto con Massimo, un affascinante agente letterario. Nessuno dei due vuole iniziare una storia, tanto più che si tratterebbe di una relazione a distanza: lei a Genova, lui a Milano. Le loro vite prendono quindi strade diverse, finché Fiamma non si presenta nell’ufficio di Massimo per dirgli che è incinta. All’inizio lui la prende male, chi gli assicura che quel figlio sia suo? Ma poi, riflettendoci, pensa di poter sfruttare la situazione a proprio favore: suo zio da tempo lo assilla perché si sposi. Massimo allora propone a Fiamma un accordo: lui la sposerà, riconoscerà il figlio in arrivo, ma lei si accontenterà di un matrimonio di facciata, in cui ciascuno di loro conserverà la propria libertà. Lei accetta e così i due partono alla volta dell’Inghilterra, per raggiungere i parenti di Massimo. Quello che Fiamma non sa è che la famiglia che sta per incontrare ha origini aristocratiche ed è tutt’altro che ben disposta ad accoglierla…

tutto per te

Recensione di Simona – Tutto per te di Laura Gay in uscita oggi 22 marzo 2018, edito Newton Compton.

È la prima volta che leggo un libro di Laura Gay, autrice Genovese, e la sua penna mi ha piacevolmente colpita: scorrevole, lineare, concisa, non si perde in fronzoli e in dettagli superflui, divertente da matti quando occorre. Insomma, promossa a pieni voti!

In molti avrete letto Mille notti di te e di me sempre dell’autrice, con protagonisti Eva e Brian; bene, in Tutto per te ritroviamo due personaggi già incontrati nel libro appena citato, si tratta di Fiamma, migliore amica di Eva, e Massimo, amico di Brian nonché agente letterario di Eva stessa.

I nostri due protagonisti si erano già conosciuti in precedenza, ma galeotte furono le nozze di Eva e Brian… No, mi correggo, galeotto fu l’incontro ravvicinato tête-à-tête nella macchina di Massimo durante le nozze di Eva e Brian, non so se mi spiego!

“Fiamma, non farlo. Resta fuori dai guai, se ci riesci. Ma era perfettamente inutile. Quando mai aveva ascoltato la propria coscienza? Si avviò in quella direzione, come una pantera che punta la preda. In fondo, un’altra cosa tipica dei matrimoni – quelli degli altri – non era forse l’intento di trovare qualcuno con cui fare del sano e appagante sesso senza impegni?”

E così fu!
Fiamma è una donna disinibita, cosciente d’essere bella e con un corpo invidiabile che, quando al matrimonio della sua amica vede Massimo, ammiccante gli si avvicina e lui, capendo subito l’antifona, non si tira di certo indietro, mica è scemo, e si ritrovano a consumare nella sua auto.

Bene, qualche mese dopo succede questo:

«Sono incinta», decise di lanciare la bomba così, all’improvviso.

«Come? Che hai detto, scusa?».

«Hai capito bene. Ho detto che sono incinta. E tu sei il padre».

«Come diavolo può essere successo?»

«Secondo te? Hai una vaga idea di come si fanno i bambini o devo farti un disegnino?»

«Sai bene cosa intendo. Ho usato il preservativo, come fai a essere sicura che sia mio?».

«I preservativi si rompono, bello mio. Non te l’ha spiegato la mamma?»

«I casi di gravidanza dovuti a un preservativo rotto sono un fottutissimo due per cento».

«Be’, complimenti, Corradi. Il nostro caso appartiene a quel fottutissimo due per cento».

Un dialogo a dir poco esilarante, ma la sostanza è proprio questa: Fiamma è incinta, che fare? Soprattutto visto che lui vive a Milano e lei a Genova?
Il colpo di genio arriva da Massimo: un bel matrimonio di facciata!
Perché, vi chiederete? Siamo nel 2018 dopotutto, chi si sposa più ormai in circostanze del genere, soprattutto se le due parti in causa sono pressoché degli estranei? La risposta è: Fiamma e Massimo!

Chiaramente un motivo c’è, Massimo ha uno zio alle spalle che lo assilla da anni di trovarsi una moglie e di formare una famiglia, e prima o poi lo costringerà ad un fidanzamento imposto se non si affretta in quella direzione, quindi, con Fiamma incinta di suo figlio, decide di proporle un matrimonio di convenienza, senza legami di alcun tipo e con la libertà di frequentare altre persone. Così facendo lui eviterebbe le ingerenze familiari e lei avrebbe una stabilità economica che, lavorando come cameriera in un bar, non avrebbe di certo per poter crescere loro figlio senza problemi.

E Fiamma, seppur con qualche remora, accetta! Un tempo anche lei aveva desiderato, come tutte, un matrimonio d’amore, ma poi aveva capito che gli uomini volevano solo una cosa da lei: sesso e nulla più. A causa del suo aspetto e del suo carattere libertino, veniva classificata continuamente come una ragazza facile, e stanca di passare per ciò che non è, accetta la proposta di Massimo per avere l’occasione di crearsi una famiglia, anche se solo di facciata.

Anche se… Massimo non è stato del tutto sincero con Fiamma, ha giusto tralasciato di dirle un piccolissimo dettaglio: le sue origini aristocratiche!

Suo zio Edward è soltanto l’undicesimo conte De La Warr, un’antica famiglia inglese, che possiede un’immensa residenza nel Sussex, in Inghilterra.
E Massimo è soltanto il legittimo erede al titolo di conte, ecco spiegato il motivo per cui lo zio premeva tanto sul volere il nipote sposato e con un prossimo erede.

Chiaramente Fiamma rimarrà sconvolta da questa rivelazione, che arriverà solo dopo il loro frettoloso matrimonio, e non mancheranno occasioni per lei di vendicarsi della verità deliberatamente taciuta. Certo, non che sia un dispiacere scoprire di poter diventare una futura contessa, ma capirete bene che sarà un bello shock iniziale, soprattutto perché la ragazza si sentirà un pesce fuor d’acqua e la famiglia di Massimo non la vedrà assolutamente di buon occhio.

«Interessante. E mi dica, cosa fa nella vita?»
«Lavoro come cameriera in un bar». La risposta di Fiamma risuonò come uno sparo di cannone nel silenzio in cui era immersa la sala. […]
«Ma immagino che lei abbia altre aspirazioni nella vita. Adesso che è la moglie di Massimo cosa ha intenzione di fare?».
Lei parve rifletterci. Poi un sorriso malizioso si dipinse sulle sue labbra lucide di rossetto.
«A dire il vero c’è qualcosa che vorrei fare: posare nuda per un calendario, come fanno le modelle famose. Ho sempre pensato di avere il fisico adatto».
A Massimo per poco non andò di traverso la zuppa. Cominciò a sputacchiare, gli occhi fuori dalle orbite.
«Sei impazzita?», la redarguì non appena ritrovò il fiato.

Immaginate le facce di tutti gli aristocratici seduti a quella tavola ad una risposta del genere, da morire dal ridere!

Insomma, io mi fermo qui, lascio a voi il compito di scoprire cosa succederà da questo momento in avanti, e vi assicuro che ne accadranno tante di cose, ne vedrete delle belle! 😉

Mi è piaciuto tantissimo questo libro, anche se ho un unico appunto da fare, l’inizio mi è sembrato troppo frettoloso, Fiamma e Massimo si sono sposati in un battito di ciglia e questo mi ha lasciato un po’ perplessa, ma preso poi il ritmo della storia, è stato tutto un crescendo di emozioni.

Li ho amati insieme, sono stupendi! I continui battibecchi e un inizio di gelosia, non ammessa chiaramente, da ambo le parti me li ha fatti adorare sempre di più. Si completano a vicenda, e quando cominceranno a capirlo sarà un piacere vederli in procinto di innamorarsi perdutamente l’una dell’altro!

tutto per te

Il romanzo è a POV alternati, e non solo dei protagonisti, aspetto che ho molto apprezzato perché ci offre una panoramica dei punti di vista di tutti i personaggi presenti. Così ho imparato ad apprezzare Bianca, la sorellina diciottenne di Massimo, cresciuta sotto una campana di vetro, e ho confermato il mio odio per Carl, il cugino di Massimo, e la moglie Denise.

Una trama ben strutturata e una storia emozionante, Tutto per te è un libro che merita d’essere letto e che si legge tutto d’un fiato!

Ps. Magari Laura nel prossimo libro vorrai farci sapere come procederà la vita di Bianca in Italia? Così, io la butto lì! xD

Pps. Grazie infinite per quello splendido epilogo! <3

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Laura Gay ha detto:

    Grazie per la recensione! A proposito, la storia di Bianca ci sarà. Portate solo un po’ di pazienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.