Review Party – Rebel Love di Erin Watt

Rebel love

Trama Beth ha diciassette anni ed è all’ultimo anno di liceo. Dovrebbe essere circondata da amici, uscire con ragazzi carini e godersi i momenti migliori della sua età. Invece, la sua vita è già stata scritta dai genitori, fino all’ultimo dettaglio. Da quando la sorella è morta in un incidente, tre anni orsono, l’hanno infatti obbligata a vivere in una prigione dorata, monitorando ogni sua mossa, nel tentativo di proteggerla da ogni cosa. Senza alcuna privacy né via di fuga, Beth è oppressa dalle loro paranoie e paure, come intrappolata nella sua stessa vita. Eppure lei è viva, e vuole vivere. E per assaporare anche solo un minuto di vita reale è pronta a tutto, anche a mentire per imbucarsi da sola a una festa con degli sconosciuti. Lì incontra un ragazzo. Si fa chiamare Chase, è appena arrivato in città, ha due incredibili occhi blu e una cicatrice sul sopracciglio. Sembra che tutti lo conoscano e quando cammina, intorno a lui, si crea il vuoto. Perché Chase, con i suoi molti fantasmi e colpe da espiare, porta guai, e belli grossi anche. Beth però non lo sa, e presto sarà costretta a fare una scelta: seguire le regole, o il suo cuore, rischiando di distruggere tutto… di nuovo.

Rebel Love

Review Party – Recensione di Esmeralda – Rebel Love di Erin Watt in uscita domani grazie a Sperling & Kupfer.

Ho letto le due nuove uscite del formidabile duo una dopo l’altra cominciando da Real Love (domani troverete la mia recensione) e mi sono imbattuta in due romanzi appartenenti al genere new adult molto differenti, se in Real Love a farla da padrone sono le battute sarcastiche e la sfacciataggine dei due protagonisti in Rebel Love la leggerezza non arriva mai.

Interamente dal punto di vista della dolce Beth vi farà vedere le diverse facce del dolore, il dolore per la perdita dell’amata sorella maggiore, mancata tre anni prima a causa di un incidente, quello che non ti permette di progredire, di andare avanti perché la paura dei tuoi genitori di poter perdere anche te li porta a soffocarti e a non lasciarti alcun tipo di libertà. Beth vive in una gabbia, monitorata 24 ore su 24, senza alcuna possibilità di scelta, nemmeno quella di poter fuggire al college dei suoi sogni per tornare finalmente a respirare aria nuova. I genitori di Beth hanno un ruolo fondamentale in questo libro e sarete estremamente combattuti nei loro confronti perché da un lato comprenderete il loro dolore per la perdita di una delle amate figlie, ma dall’altro li colpevolizzerete per tutto l’ossigeno che tolgono giorno dopo giorno a una ragazza che merita di vivere e anche di sbagliare.

A Beth il comportamento folle dei genitori va stretto e, durante l’estate prima dell’ultimo anno di liceo, decide di concedersi qualche trasgressione, la più avventata è quella di unirsi a un gruppo di ragazzi conosciuti quella sera e raggiungere una festa a casa di sconosciuti. Questa pazzia cambierà la sua vita, travolgendola. Alla festa rimane folgorata dallo sguardo di un ragazzo di nome Chase, un ragazzo che ha scritto a caratteri cubitali bad boy, un ragazzo che le fa provare emozioni e sensazioni che non aveva mai sentito per nessuno prima e a cui concede tutta se stessa certa che sarà a prima e l’ultima volta che i loro destini si incroceranno.

Lui. Ecco di che cosa ho bisogno. Di un cattivo ragazzo che mi conduca sulla cattiva strada. Mi sento pervadere da una sensazione di potere. I miei si arrabbierebbero un casino.

Ma il destino, si sa, scombina tutti i piani e Chase sarà il nuovo ragazzo nel liceo che frequenta, peccato che una relazione tra loro sia ritenuta impossibile, abominevole, malata…ma non sarò certo io a dirvi per quale motivo, questo lo scoprirete solo leggendo.

Beth e Chase sono due protagonisti ben caratterizzati, sicuramente non tra i più semplici da amare, ma che mostrano molti aspetti che contraddistinguono il genere umano. In loro riscontrerete parecchie imperfezioni, non li chiamerei difetti perché si comportano esattamente come farebbero dei ragazzi della loro età e questo li rende molto realistici. Ho apprezzato il cambiamento di genere e prospettiva del duo Watt anche se questa scelta mi ha colta impreparata. Avendo letto tutti i volumi pubblicati fino ad oggi, tutto mi sarei aspettata tranne che una trama così, passatemi il termine, introspettiva. Mi è mancato il POV di Chase, devo ammetterlo, lui è sicuramente il mio personaggio preferito di Rebel Love e sarei stata interessata a entrare nei suoi pensieri, ma comprendo la scelta che a parlare sia solo l’animo lacerato di Beth. Beth, grazie alle parole e alla fondamentale vicinanza di Chase, compie una grande maturazione che la porta a non avere paura delle sue azioni e a trasformare la propria vita, non senza mille difficoltà. Beth è circondata di amici che le fanno perdere la testa, amici che non la comprendono e la spingono a cambiare il suo modo di essere mettendosi dalla loro parte, ma Beth, nonostante le tante fragilità e il senso di colpa che non l’abbandona mai, è certa che ciò che dice il suo cuore non possa essere tanto sbagliato e seguirlo sempre e comunque è sempre la scelta migliore.

In superficie, Chase è duro, tutto muscoli, tendini e ossa, ma sotto ha un cuore tenero. Che soffre per noi, perché quello che vuole lui e quello che voglio io cozzano con quello che dovremmo volere.

Rebel Love non è un libro che si legge a cuor leggero e, anche se avevo aspettative differenti, non sono rimasta delusa dalla piega che hanno voluto far prendere alla storia. Credevo di trovarmi davanti alla solita storia tra brava ragazza e bad boy, uno dei più abusati cliché nei romance, ma non è così, Rebel Love è molto di più, è la crescita di una giovane donna, è lo scendere a patti con se stessi e le proprie azioni, guardando verso un futuro che prima sembrava impossibile da scorgere, è comprendere che l’amore può curare qualsiasi ferita e che le seconde possibilità esistono e sono fondamentali perché tutti meritiamo di essere felici e per raggiungere la tanto agognata felicità bisogna essere disposti a donare completamente se stesso alla persona che ci completa e ci fa sentire vivi.

Rebel Love

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.