Review Party – Il peso dell’odio di Pamela Clare

Il peso dell’odio

Trama Il giorno in cui la giornalista Katherine James, una donna dalle radicate convinzioni e dai forti valori morali, incontra Gabriel Rossiter le manca letteralmente la terra sotto i piedi. Quasi uccisa in una frana durante un’escursione, trova la salvezza tra le braccia dell’affascinante ranger. Sebbene quell’uomo non le sia indifferente, è convinta che non lo rivedrà mai più.
Gabe, appassionato di sport estremi e alla costante ricerca di adrenalina, dopo una forte delusione sentimentale si è ripromesso di non farsi più coinvolgere dalle donne, meno che mai da quella giornalista dai lunghi capelli scuri e dagli occhi grandi che sembrano in grado di leggergli dentro. Eppure, fin dal loro primo incontro, l’interesse che prova per Kat è innegabile. Ci penserà il destino a farli rincontrare. Ma la passione per la verità e l’intensa attrazione che provano l’uno per l’altra renderanno il ranger e la giornalista dei facili bersagli nella fitta trama di corruzione, furti di reperti archeologici e omicidi in cui si ritroveranno coinvolti. A volte la minaccia non conosce limiti…

Il peso dell’odio

Review Party – Recensione di Esmeralda – Il peso dell’odio di Pamela Clare pubblicato da Leggereditore il 13 giugno in ebook e il 27 giugno in cartaceo.

Era tantissimo che non leggevo un suspense romance e non ricordavo le scariche di adrenalina che ti può regalare. Pamela Clare è una maestra in questo genere e certamente non poteva deludermi questo quarto capitolo della serie I-Team.

A renderlo ancor più avvincente, oltre agli intrighi necessari, c’è la comunità Navajo, protagonista del libro almeno quanto Kat e Gabe, loro sono il cuore pulsante di tutto e le credenze, i miti e le leggende di questo popolo vi faranno sentire quanto per loro la terra sia importante, quanto si debba sempre collegare tutto all’appartenenza alla madre terra e ringraziare la natura e gli animali che la popolano.

Kat è una nativa americana, nel suo sangue scorre il suo popolo, ma per la sua famiglia lei non è altro che un incrocio, per tutti tranne che per la sua amata nonna, colei che l’ha cresciuta con dei sani principi e l’ha amata come nessun altro è stato in grado di fare. Per Kat la famiglia è fondamentale e la sua famiglia adesso sono i Navajo di Denver, Corvo Rosso su tutti, il padre che non ha mai avuto e che l’ha fatta entrare nella sua comunità che si riuniva a pregare a Mesa Butte.

Nonostante le mancassero moltissimo sua nonna e l’immensa bellezza del deserto, amava il suo lavoro e si era affezionata ai colleghi. E se alcune volte aveva l’impressione che la città la opprimesse, facendola sentire spenta e sola, be’, per quello c’erano le montagne.

Comprendere la cultura Navajo non sarà semplice, per me non lo è stato, così distante dalla nostra legata al consumismo, per noi poche cose sono spirituali e il loro modo di vedere il mondo è estremamente affascinante. Bisogna rispettare la natura, onorarla, offrirle dei doni e non profanarla attraverso atti che sconvolgerebbero i suoi equilibri.

Kat si reca a Mountain Parks per un’escursione in solitaria che possa riavvicinarla alla natura e qui mette un piede in fallo scivolando dalla montagna, la sua incredibile forza di volontà la portano a reagire trascinandosi verso un sentiero per essere soccorsa e lì trova il ranger Rossiter pronto ad aiutarla. La loro connessione è immediata, ma i due si perdono di vista per tre lunghi mesi certi che non si incroceranno mai più. Ma il destino li fa rincontrare in occasione di un brutto episodio di violenza durante una inipi una sacra cerimonia indiana che si svolge nella capanna sudatoria a Mesa Butte. Rossiter riconosce la ragazza che viene trascinata per i capelli fuori dalla capanna, Kat e interviene prontamente allontanando l’agente e facendo rapporto circa questa aggressione ingiustificata durante una manifestazione pacifica. Rossiter è affascinato da questa ragazza così forte e decide di chiederle un appuntamento, ma Kat non è come le altre ragazze, c’è un motivo per cui è arrivata illibata all’età di ventisei anni, lei cerca l’amore, quella connessione che tiene legate due anime per tutta la vita e non ha intenzione di concedersi nessuna avventura. A lei interessa solo fare il suo lavoro di giornalista per cui dice a Gabe che lo incontrerà unicamente per avere delle informazioni su ciò che è appena accaduto. Kat vuole dare voce al suo popolo e far capire alla gente la violazione che è stata perpetrata. Gabe vuole passare del tempo con Kat e non riesce nemmeno a spiegarsi il perché, per lui le donne sono un mero oggetto che lo aiuta a non pensare, non è interessato a una relazione da ormai tre anni, quando ha perso la donna che amava e doveva diventare sua moglie. Ma non è il dolore a tenerlo lontano dall’amore, è la rabbia quella che non gli fa vedere quanto di buono potrebbe celarsi dietro a Kat e quanto Kat possa essere perfetta per lui e per fargli capire che non tutte le donne sono uguali, alcune sono talmente speciali da stravolgere il tuo mondo e tutte le tue certezza.

Kat è una donna davvero speciale, forte, determinata, sensibile e dolce, sarà proprio durante uno dei momenti che trascorreranno insieme a Mesa Butte che scopriranno Corvo Rosso riverso a terra, morto. Per Kat sarà un duro colpo e inizierà a indagare certa che non possa essere un incidente ad aver causato il decesso del suo padre spirituale, Gabe non lascerà Kat da sola durante queste ricerche e pian piano in lui sboccerà la consapevolezza che si può tornare a credere in una persona e a volerla proteggere ad ogni costo.

Kat e Gabe sono due personaggi ben caratterizzati e dalle diverse sfaccettature, le loro convinzioni vacilleranno fino a sgretolarsi perché quando nasce un sentimento del genere è impossibile arginarlo. Kat si lascerà andare a gesti che non aveva mai creduto possibili, si lascerà travolgere dalla passione bruciante che prova per Gabe e gli donerà tutta se stessa. Per Gabe il percorso sarà più impervio e ricco di ostacoli, cercherà di negare a se stesso che non sia solo la lussuria a spingerlo a stare incollato a Kat, ma ben presto dovrà fare i conti con la propria anima e lasciarsi andare all’amore di questa giovane donna così perfetta per lui. Non potrete fare altro che adorarli per ogni loro gesto e azione, anche quando queste vi faranno arrabbiare con Gabe, è sempre lui il colpevole, Kat è semplicemente perfetta.

Il peso dell’odio vi terrà incollate alle pagine, desiderose di scoprire cosa si cela dietro a tutti gli eventi contro la comunità Navajo, e il titolo italiano trovo che sia centratissimo, perché pone l’accento su una questione estremamente attuale, quanto si può odiare un popolo senza nemmeno provare a conoscerlo e comprenderlo? A voi la risposta e la lettura di questo bel libro di Pamela Clare.

il peso dell'odio

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Mariella B ha detto:

    Ho letto solo il primo libro di questa serie e sono passati diversi anni. Mi piace molto il Romantic Suspense: metto in lista. Complimenti per la recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.