Review Party – E’ subito l’alba di Angela White

E’ subito l’alba di Angela White

L’amore può tutto, anche vincere il dolore

Due mani bellissime capaci di guarire e far soffrire. Liam e la sua oscurità sapranno accogliere l’alba insieme a Samantha?

William Payne è un neurochirurgo di fama mondiale a cui la vita sembrerebbe aver regalato tutto: denaro, rispetto, l’ammirazione degli uomini e i favori delle donne. Ma dietro questa facciata si celano una rabbia feroce e autodistruttiva e una fragilità che ha radici nel passato.

Samantha Deveraux ha venticinque anni e si nasconde sotto le sue felpe extralarge, i jeans sformati e gli anfibi con i quali affronta il mondo a testa bassa. Solo davanti a un monitor di computer, tra numeri e codici, riesce a esprimersi veramente e ad allontanare il ricordo dei tradimenti che ha subito.

L’incontro di Liam e Sammy a distanza di anni costringerà entrambi a mostrarsi all’altro senza maschere né difese.

Chissà se la volpe dagli occhi verdi riuscirà a liberare dalla sua gabbia l’angelo guerriero…

E' subito l'alba

Recensione di Esmeralda – E’ subito l’alba di Angela White, secondo volume della serie Angeli caduti che torna a deliziarci oggi, 15 maggio, dopo il successo di Buonanotte a chi non c’è uscito a novembre.

Mi era talmente piaciuto il primo volume della serie da spingermi ad acquistarlo anche cartaceo, credo proprio che questo accadrà anche per E’ subito l’alba perché Angela White ha fatto ancora centro.

Protagonisti di questa storia Samantha Deveraux, migliore amica di Alice, e il Dottor William Payne III, fratello di Nicholas. Ecco aspettatevi che vi entrino immediatamente in circolo perché in un attimo ve li sentirete scorrere nelle vene la super nerd ingegnere informatico e il neurochirurgo di fama mondiale che nasconde una rabbia invisibile a tutti.

Sammy è semplicemente stupenda, lei con le sue magliette oversize e i suoi anfibi, il suo non essere femminile per il mondo intero, ma che nasconde sotto tutta quella stoffa completini di Victoria’s Secret. Lei che crede di non essere speciale, ma che sa fare cose che pochissimi al mondo riuscirebbero anche solo a pensare, lei che ha una cotta incredibile per Liam da quando l’ha invitata a ballare al matrimonio della mamma di Alice con il padre di Liam, da quel momento lo sogna ad occhi aperti ricordando quanto sia stato gentile a prestare attenzione a Sammy – la stramba “Non ero bella, non ero simpatica, non ero popolare. Ero quella stramba, e nessuno lo pensava in termini carini o affettuosi. Ero una secchiona asociale spaventosamente dotata per l’informatica. Una nerd fatta e finita, in un’epoca in cui a esserlo non c’era niente di affascinante.”

E poi c’è lui “William Payne III, trentadue anni, dirigente del Manhattan Memorial, laureato in medicina ad Harvard con specializzazione in neurochirurgia.” Praticamente dio…e lei cosa deve fare? Deve convincerlo ad affidare la gestione della parte informatica del Manhattan Memorial alla ditta per cui lavora e per cui ha sviluppato un nuovo software all’avanguardia. Liam non è per nulla convinto che questo accordo possa andare a buon fine, ma tutto cambia una sera in cui lei si trova davanti al vero Liam, quello così pieno di rabbia da dover trovare una valvola di sfogo.

“Adrenalina. Lui sa dare un nome a ogni emozione. Può catalogarla, disciplinarla e archiviarla. Lo fa sempre. Ogni giorno. Ma quando raggiunge il limite, la marea lo sommerge e la sua voce si perde nel bisogno di ruggire, allora deve vivere una notte come questa. E finalmente può sentirsi libero.”

Liam e Sammy sembrano essere agli antipodi, così diversi, lui sinonimo di perfezione e lei sinonimo di stramberia (e per questo adorerete tutto di lei, vi sembrerà di rivedere voi stesse perché abbiamo tutte le nostre paranoie e non ce ne dobbiamo vergognare), ma insieme funzionano benissimo e hanno un’alchimia difficile da raggiungere. Lui ha paura perché lei è l’unica che lo conosce per ciò che è realmente, è l’unica che ha visto tutti i lati della sua anima tormentata e non crede di poter sopportare di mostrarle tutto. Lei ha paura perché teme di non essere abbastanza e si dà alla fuga in più di un’occasione…ma chi non se la sarebbe svignata dopo alcuni comportamenti a dir poco contraddittori del bel dottore? Va bene avere gli occhi a cuoricino, ma se te le vai a cercare qualche conseguenza devi metterla in conto.

Mi è piaciuta l’idea di mettere due geni come protagonisti, diciamo che in questa serie il QI e le capacità sono spesso stratosferiche, mi è piaciuto anche che Sammy sia una di noi, insicura, bella nel suo non essere perfetta, una donna comune a tutti gli effetti e che Liam nasconda un animo tormentato per motivi reali e non scuse campate per aria come spesso accade nei romance. Liam ha avuto tutto dalla vita tranne una cosa, la più importante, e questo lo ha segnato profondamente e lo ha fatto crescere con molta rabbia che deve essere incanalata per non annientarlo.

Cos’altro posso dirvi per convincervi ad acquistare E’ subito l’alba di Angela White? Io sono completamente conquistata dalla sua scrittura, così coinvolgente e appassionante da non permetterti di posare il libro nemmeno per un secondo. Promossa a pieno voti.

La tempesta infuria, ma è Samantha a trovarsi nell’occhio del ciclone. Lui è il ciclone, ma lei ancora non lo sa. Non del tutto, almeno.

bellissimo

You may also like...

1 Response

  1. li ho amati tanto anche io

Leave a Reply

Your email address will not be published.