Respiro solo se tu di Jennifer Niven

Il nuovo romanzo dell’autrice bestseller di Raccontami un giorno perfetto.

Manca una manciata di giorni al diploma e Claudine non vede l’ora di trasferirsi a New York per andare al college e diventare una grande scrittrice. Adesso però pensa solo a come godersi l’ultima estate con le amiche. Il viaggio della maturità, le follie, i vestiti appariscenti, i ragazzi, la prima volta, il sesso… Ma vivere intensamente i diciotto anni non è semplice, se i tuoi genitori decidono di divorziare e tu sei costretta a trasferirti in un altro Stato. Su un’isola abitata solo da cavalli e trentuno persone. Letteralmente. Il mondo di Claudine crolla come il più instabile dei castelli di foglie. Non ha più radici, e i legami più importanti della sua vita sono spezzati. Ha capito che niente dura o vale la pena di essere amato. Non aveva calcolato che, tra quei trentuno isolani, potesse incontrare qualcuno come Jeremiah, armato di spray anti zanzare e pungente sarcasmo. Ma i rapporti sono imprevedibili, Claudine lo sa: non puoi affidarti all’altro per respirare, perché all’improvviso potrebbe lasciarti. Forse però l’estate della maturità è anche questo: rischiare, ed essere pronti a ricominciare.

Nel suo romanzo più intimo e toccante, Jennifer Niven racconta i desideri e le pulsioni dell’animo in modo delicato e autentico, parlando direttamente al cuore del lettore.

Respiro solo se tu di Jennifer Niven, romanzo young adult in uscita oggi, 13 aprile con DeA planeta libri.

Jennifer Niven resterà per sempre l’autrice dai finali ‘interrotti’, non perché i suoi libri un finale non lo abbiano, ma perché fa scelte non sempre condivisibili, coraggiose e che ti lasciano quella sensazione di non detto che possono convincere il lettore oppure gettarlo nello sconforto. Io forse appartengo alla seconda categoria, ma in questo caso leggendo i ringraziamenti dell’autrice mi è tornato il sorriso perché il lieto fine c’è stato nella realtà.

La protagonista di Respiro solo se tu non mi è stata sempre simpatica e in fondo a tutto questo risiede la bellezza e la verità del romanzo perché Claudine è esattamente ciò che ci si aspetta da una ragazza alla fine delle superiori, nessuno ha la verità in tasca, nessuno sa cosa ne sarà del futuro, le aspettative sono altissime, ci si sente il mondo in mano e basta un nonnulla per far crollare il castello di carte che ci si è costruiti. Claude ha l’immaturità tipica della sua età, quando ti senti grande, ma non lo sei davvero, è egoista, spesso scocciata, gelosa senza averne motivo e possessiva quando non dovrebbe esserlo. L’estate prima dell’Università sarà per lei un importante momento di crescita, perché dalle cose difficili nascono le migliori occasioni e la scelta di una madre può rivoluzionarti la vita nel bene anche se non lo avresti mai creduto possibile.

Vi ho parlato di gelosia e possessività, entrambi hanno a che fare col rapporto con Saz, la sua migliore amica. Per Claude sarà difficile accettare di non vivere l’ultima estate prima del college con lei e proverà parecchia gelosia nei confronti della sua ragazza. Una gelosia difficile da domare che la porterà a distaccarsi da lei, per fortuna Saz sarà abbastanza saggia per entrambe e non l’abbandonerà come avrebbe meritato. Sarà Saz la prima a capire che le promesse fatte a dieci anni non possono durare a lungo e che l’amicizia non si misura in base alle tappe condivise, ma è altro a tenere unite due persone, per Claude ci vorrà un po’ di più per accettare la cosa e capire che lei e Saz saranno per sempre amiche, nonostante la distanza, nonostante le differenze di esperienze e nonostante le nuove frequentazioni.

«Ehi» dice, protendendosi verso di me, con gli occhi che le brillano. «Ti adoro più delle caramelle mou al cioccolato, di Ariana Grande e dell’estate.» Ce lo diciamo da quando avevamo dieci anni, perché ci vogliamo un bene dell’anima e avevamo bisogno di un modo per dircelo. «Io ti adoro più dei maccheroni al formaggio, di Zelda Fitzgerald e della primavera.»

Il mondo di Claude subirà uno scossone che metterà fine ai suoi giorni spensierati quando i genitori le comunicheranno che stanno per divorziare. Il padre le assicura che lei verrà sempre prima di tutto e che non c’è un’altra donna nella sua vita, ma per Claude accettare tutto questo è impossibile, soprattutto perché i genitori le chiedono di non parlarne con nessuno e la madre le comunica che passeranno l’estate in Georgia su un’isola sperduta in mezzo al nulla in cui vivono trentun persone.

Trentun persone appena e tra queste c’è il ragazzo che può stravolgerti la vita. Quante volte abbiamo fantasticato di un amore così e la Niven non solo ce lo racconta, ma lo ha pure vissuto. Jeremiah, Miah per gli amici, è un sogno a occhi aperti, Claude cerca di resistergli, ma la sua arroganza la intriga troppo per tenerlo a distanza. Gli rivolgo un sorriso agguerrito, come per dirgli: Il tuo fascino non attacca, con me. Usalo con qualcun’altra. Perché non ho alcuna intenzione di fare amicizia con anima viva. Resterò chiusa in casa finché non sarà ora di tornare in Ohio. Capitano, così la chiama Miah, ci prova con tutta se stessa, ma ben presto dovrà soccombere al fascino di questo ragazzo misterioso che ha un passato di cui non va fiero e un futuro incerto. Hanno a disposizione poche settimane e cercheranno di sfruttarle al massimo, prima avvicinandosi, annusandosi, cercando di capire quanto in là possono spingersi senza farsi del male. Perché Capitano ha paura a fidarsi e Miah ha paura di non essere degno di fiducia, troppo bravo a sabotare ogni possibilità di essere felice.

«Spero che non perderai la testa per me… Tra qualche settimana me ne vado e odio l’idea di spezzarti il cuore» gli dico. Mi guarda, sorpreso. «Sono abbastanza sicuro di voler correre il rischio.»

Un rischio che anche chi leggerà Respiro solo se tu deve essere pronto a correre perché se vi sono poche certezze nella vita, una di queste è che il primo amore non si scorda mai e chi avrà voglia di immergersi nelle acque di questo libro non dimenticherà tanto facilmente l’amore inaspettato che nasce tra due persone che solo il destino può aver fatto incontrare, due giovani che senza le decisioni sbagliate di altri o loro non avrebbero mai avuto modo di essere nelle stesso luogo nello stesso momento.

Lasciatevi travolgere da questo young adult, scoprirete un’isola incontaminata, un luogo incantato dove tutto sembra possibile, scenario perfetto per un indimenticabile piccolo grande amore.

«Ecco quello che so» mormora. «Sono qui. Siamo qui. Non so dirti che senso abbia tutto questo, eccetto che sono dannatamente felice di averti incontrato. Non so cosa succederà domani, la prossima settimana, l’estate prossima o tra cinque anni. Ma so che ora, in questo momento, su quest’isola, sono dove devo essere, e cioè insieme a te.»

5 stelle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.