Punto e a capo di Isolbel Starling

Trama Trascinato in un mondo fatto di bugie e segreti da parte dell’uomo che ama, Declan ha visto la propria vita cambiare radicalmente negli otto mesi passati dal suo primo incontro con Sam Aiken, il figlio del capo. Il viaggio intrapreso alla ricerca di se stesso sta per prendere una piega più oscura; per Sam, intanto, il mondo diventa più ingannevole di quanto avesse mai potuto immaginare.
Due agenti sono rimasti dispersi durante una missione di ricognizione nelle Highlands scozzesi, presumibilmente morti. Sir James Aiken decide quindi di mandare suo figlio e Declan sulle loro tracce, per scoprire cosa sia successo.
Dal momento che la missione offre la possibilità di mettere in pratica gli insegnamenti assimilati nel corso per le reclute dell’MI6, Declan è ansioso di cominciare. Tuttavia, quando i due iniziano la missione, Sir James fa in modo che fra loro si insinui il seme della discordia.
Il viaggio nel luogo dell’obiettivo e le scoperte al centro G’wan Adventures mettono in luce quanto Sir James sia stato poco onesto con il figlio. Gli eventi nelle Highlands costringeranno Sam e Declan ad affrontare le loro più grandi paure, e a capire cosa vogliano davvero dalla vita, nonché dall’uno e dall’altro.

Recensione a cura di Dalia – Punto e a capo di Isolbel Starling, pubblicato l’8 Aprile 2019, dalla Quixote Edizioni

Care le mie smeraldine, ricordate dove eravamo rimasti alla fine del secondo libro? Ebbene, a conclusione del secondo episodio mi ero chiesta chi fosse l’uomo che tramava nell’ombra, chi li aveva fatti spiare e, soprattutto, cosa apriva la chiave che Declan aveva regalato a Sam, prima di partire per un periodo di addestramento, voluto da quel grandissimo bastardo che è Sir James. Quindi, quando ho iniziato a leggere “Punto e a capo” mi aspettavo di ricevere risposta ad almeno qualcuna di queste domande e, soprattutto, di vedere come si sarebbe evoluta la loro storia d’amore, ora che Sir James ha arruolato nella sua agenzia anche Declan. Ahimè, la storia non inizia nel migliore dei modi per la giovane e bella coppia. Sam riceve un pacchetto misterioso contente un nodo, come quello che qualche settimana prima è stato messo nella tasca di Declan mentre erano in un bar, e questo fatto lo turba enormemente, ravvisando in quel “regalo” una minaccia proveniente dal passato. La sua reticenza a parlarne con Declan inizia a minare sia l’autostima di quest’ultimo, sia il loro rapporto, che diventa ancora più complicato quando lo stesso Declan scopre di essere stato spiato dall’organizzazione della famiglia di Sam, per ben undici anni. I dubbi che gli affollano la mente sono molteplici e ognuno di essi minaccia un po’ di più la relazione con il bel giovane. A imbrogliare ancora di più le acque ci si mette anche la prima vera missione di Declan per la A.L.L. Ritrovarsi insieme, tra vallate, colline e laghi scozzesi, per scoprire le mosse di un misterioso assassino, non sarà un compito facile per i nostri due protagonisti, soprattutto perché una coltre di gelo è scesa a oscurare la loro recente felicità. Devo ammetterlo, più la serie va avanti e più la trovo interessante. Se con il primo libro avevamo avuto a che fare con un matrimonio, con lo scoprire se era vera la leggenda che vuole che sotto il kilt non venga indossato l’intimo e, che i nostri protagonisti, sotto le lenzuola e lontano da occhi indiscreti, erano esplosivi, nella seconda avventura è entrato in scena il mistero, un accenno di avventura, e una realtà ben diversa da quella che avevamo intravisto all’inizio della storia. Sam non è un semplice interprete ma qualcosa di infinitamente più seducente come può esserlo un agente segreto, alla stregua di James Bond, e quando nel quadro viene inserito anche Declan, la situazione è più interessante ed eccitante che mai. I due protagonisti stanno continuando a crescere e a maturare sia come individui che come coppia, è stato  bello vedere come, pur dovendosi confrontare con bugie, segreti, verità taciute e soprattutto districarsi dalle malefiche trame di Sir James, hanno comunque trovato sempre il modo di guardarsi negli occhi e riconoscere nell’altro l’amore che li lega.

         “Quella splendida bocca così sensuale, quelle labbra umide e socchiuse, gli fecero perdere la testa. Le farfalle presero il volo nello stomaco, e Declan si chiese come potesse essere arrabbiato con un uomo tanto perfetto. Come poteva allontanare l’unica cosa buona della sua vita?”

Li adoro quando citano versi di “La storia fantastica”, uno dei miei film preferiti, specie quando si rivolgono questa o quella frase di Westley e Bottondoro. Ma proprio quando la loro coppia sta iniziando a funzionare anche sul lavoro, la missione li mette davanti a un grande pericolo che destabilizza in modo totale il povero Sam e solo Declan e il suo amore saranno lì a sostenerlo in ogni singolo passo che dovranno affrontare. Se ancora non lo avessi chiarito del tutto, questa è una bellissima serie che vale la pena di essere letta perché regala al lettore un crescendo di emozioni che spaziano dalla gioia dei primi sguardi, al calore dei loro incontri appassionati, alle missioni adrenaliniche che si troveranno ad affrontare. Insomma due gran bei personaggi a cui l’autrice sta dando tutto lo spazio e il modo di farsi apprezzare. E per chi, era in trepidante attesa come me, di sapere cosa apriva la famosa chiave, vi dirò che lo si scoprirà, quindi cosa aspettate? Leggete la storia dello scozzese in kilt e del compassato agente immobiliare, che poi così tanto compassato non è.

5 stelle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.