L’ultima notte di Samantha Towle

Quando ha deciso di seguire la sua passione e diventare un meccanico di auto da corsa, Andressa “Andi” Amaro si è imposta una sola regola: mai innamorarsi di un pilota. Ha degli ottimi motivi per stare alla larga da quegli individui egocentrici e narcisisti e non intende infrangere il suo proposito. Carrick Ryan è la star della Formula 1. Un viso angelico e un corpo in grado di far sciogliere qualunque donna lo hanno fatto diventare uno degli uomini più desiderati in pista. E il suo accento irlandese non fa che renderlo ancora più irresistibile. Sull’asfalto e nella vita, è uno che spinge sull’acceleratore. Perché accontentarsi di una vita in prima quando puoi andare al massimo? Quando a Andi viene offerto un posto da sogno nel mondo glamour della F1, lascia la sua casa in Brasile, sicura di poter gestire uno sbruffone come Carrick. E invece durante il loro primo incontro volano scintille. Adesso che Carrick si è messo in testa di averla, non ha nessuna intenzione di arrendersi finché non avrà convinto Andi a superare tutti i suoi limiti.

L'ultima notte

Recensione della Queen – L’ultima notte di Samantha Towle primo volume della serie Revved, stand alone contemporary romance in uscita grazie a Newton Compton il 12 febbraio.

Smeraldi torna in Italia la bravissima Samantha Towle che ci aveva stregato il cuore con Jake Wethers e le sue note passionali e struggenti. Abbandoniamo il mondo glamour delle rock band e ci catapultiamo alla massima velocità sui circuiti automobilistici e precisamente nel mondo del campionato di Formula 1.

Andressa “Andi” Amaro, fin da bambina è cresciuta nel mondo dei motori, e dopo aver studiato per diventare ingegnere meccanico riceve una strabiliante offerta per lavorare nel Team della scuderia Rybell. Il pilota di punta della scuderia è Carrick Ryan, star irlandese che cavalca tutte le classiche mondiali. A far parlare di lui non sono solo i risultati strabilianti sui circuiti, ma soprattutto la reputazione da Don Giovanni che lo precede. Apparso su ogni tipo di rotocalco, Carrick passa da una modella all’altra finendo spesso nei guai per la sua sfrontatezza.

Andi vive in Brasile dall’età di 10 anni ma ha origini inglesi e tornare nella sua Londra dopo tutti questi anni risveglia in lei una forte nostalgia. Ingegnere capo della scuderia, è suo zio acquisito John, vecchio amico di famiglia, ed è proprio lui ad inserire Andi nel team della Rybell, presentandola a tutti come una semplice conoscente perché la ragazza vuole dimostrare di sapersela cavare da sola senza alcuna raccomandazione.

Ora, dopo cinque anni, ha perso un solo campionato. Grazie a mio zio lavorerò nel team di Carrick. Qualche settimana fa, all’improvviso, uno dei loro meccanici si è dimesso, e lui mi ha offerto il posto. Se ancora non è chiaro, sono un meccanico. 

Il primo incontro tra Carrick e Andi avviene in circostanze sospette, quando lui entra nel box e trova l’aitante meccanico piegata sul cofano intenta a guardare il motore. Credendola una delle ragazze immagine del circuito le fa subito delle esplicite avances e volano scintille e battutine molto colorite. Andi rimane ammaliata dagli occhi di ghiaccio di Ryan e dal suo sorriso “strappamutande”, ma ha giurato a se stessa che mai nella vita si sarebbe innamorata di un pilota e cerca in tutti i modi di resistere alla sua serrata corte. Carrick non perde occasione per provocarla sia dentro che fuori dal box, e resistere per lei sarà una dura impresa.

Solo a guardarlo mi si gonfia il cuore, e il petto mi si riempie di gioia. Poi piega la testa nella mia direzione, incrocia il mio sguardo; e il modo in cui mi scruta– gli occhi penetranti, quel sorriso– mi lascia senza fiato, spiazzata ed euforica. E allora mi rendo conto di essere proprio fregata. Perché sono attratta da lui. Di brutto. Ora devo trovare un modo per gestire la situazione.

Smeraldi alzi la mano chi da piccolo quando guardava i Gran Premi alla tv, voleva diventare un pilota di Formula 1? Quasi tutti immagino.. o forse solo io, che essendo donna tra l’altro è alquanto insolito come sogno, ma sono cresciuta con un padre e un fratello che per passione correvano in macchina, e mi è venuto naturale immaginarlo.

Calcare i circuiti più famosi del mondo, essere pagati per correre con una monoposto lanciata ad oltre 300 km/h, arrivare al successo, diventare famosi in tutto il mondo e viaggiare nelle più belle location del pianeta. Una vita perfetta, insomma. Ed è proprio questa la filosofia di Carrick Ryan, campione indiscusso che affronta a tutta velocità ogni situazione sia dentro che fuori dalla pista, pretendendo sempre il massimo da ogni cosa e non accontentandosi delle briciole di nessuno.
Come disse una volta il grande Ayrton Senna “ correre, competere è nel mio sangue, è parte di me, è parte della mia vita, è da sempre che lo faccio e viene prima di ogni altra cosa”. Il gusto della competizione è qualcosa che non può assolutamente capire chi non ha mai avuto la possibilità di confrontarsi con degli avversari, soprattutto nel mondo dello sport dove c’è una forte componente fisica, è un qualcosa da cui non ci si può separare così facilmente una volta provata quell’emozione unica. Per il nostro Ryan vincere è il ‘piacere’ estremo, e solo durante la gara può finalmente spingersi oltre quelli che noi pensiamo siano i nostri limiti, fino a quando nella sua vita irrompe l’angelo biondo che lo spiazza a tal punto da rimanerne estasiato. Andi ha perso suo padre troppo presto e da allora coltiva la sua passione per i motori riuscendo a realizzare il suo sogno di lavorare per un grande team. Conoscere il pilota ribelle e playboy della sua scuderia, la destabilizzerà e le farà mettere in discussione la sua promessa di non avere storie con i piloti. Ma la scarica di adrenalina che si vive nei circuiti è talmente forte che farà capitolare i due ragazzi, e tra litigate furiose e ripicche infantili, assisteremo ad una gara di colpi di scena senza fine, ma la tanto agognata vittoria non tarderà ad arrivare, e il podio sarà assicurato.

«Accetta il bene e il male. Impara a convivere con le tue paure. Perché stare con lui, avere il bene, rende il male di gran lunga migliore».

E’ una storia che merita di essere letta, vissuta con il cuore e condivisa, perché le emozioni che ci regala la Towle sono forti e viscerali e se siete amanti della velocità come la sottoscritta, affronterete questa lettura con i brividi sulla schiena.

Alla prossima lettura la Vostra Queen Morena!

5 stelle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.