La ragazza che cancellava i ricordi di Chiara Moscardelli

Fa disegni sulla pelle per coprire i ricordi o per fissarli, sa usare qualunque tipo di arma e conosce ogni tecnica di sopravvivenza. Ma con gli uomini è una frana, anzi li tiene proprio alla larga. È convinta che sarà sempre sola, ma forse sta per essere smentita.

Olga ha trentanove anni, abita in un paese al confine con la Svizzera ed è ossessionata dalla paura di perdere la memoria, com’è successo a sua madre. È stata lei a chiamarla come la Cˇechova, ma se l’allieva di Stanislavskij era corteggiatissima, Olga ha sempre diffidato dei maschi. «La tatuatrice che cancella i brutti ricordi», l’ha definita il «Corriere», dando una sgradita notorietà proprio a lei, cresciuta isolata come aveva deciso suo padre, che l’ha iniziata all’arte del combattimento. Quando scompare Melinda, un’amica milanese tatuata anni prima, Olga si getta nella sua ricerca. Cosí incontra l’attraente giornalista Gabriele Pasca, che sovverte ogni sua certezza sui sentimenti. Per scoprire che cosa si cela dietro le sparizioni di diverse donne, Olga dovrà sfuggire a un uomo spietato che la insegue. Un uomo con una piovra tatuata sul collo.

– Prima regola, – le disse a un certo punto lui, interrompendo le sue divagazioni.
– Fa’ in modo che l’oggetto della tua attenzione non si accorga che lo stai studiando. Perderesti il vantaggio guadagnato.
Olga ci rimase malissimo, ma si rese conto che in effetti c’erano troppe cose che non sapeva.
– Ti insegnerò come fare. Seconda regola: non accettare mai passaggi dagli sconosciuti. Mai. A meno che tu non sappia come difenderti.
– Ma tu non sei uno sconosciuto, – esclamò Olga. – Sei mio padre!
– E chi lo dice?
– Tu!
L’uomo sorrise. – Sarà divertente lavorare insieme.

La ragazza che cancellava i ricordi di Chiara Moscardelli, giallo pubblicato il 15 febbraio da Einaudi.

Io e la Moscardelli siamo amiche su Facebook e quando ha pubblicato la copertina del suo nuovo romanzo mi sono subito incuriosita, è stata proprio lei a spingermi a indagare su cosa potesse celarsi dietro questa bella illustrazione di Marcella Onzo e quello che ho trovato è un libro appassionante e divertente, un giallo sopra le righe, particolare come la sua protagonista.

Non sono una lettrice di thriller, ma i gialli mi intrigano, specie se a condurre le indagini sono le donne, donne dotate di un grande spirito di osservazione che non hanno paura di mettersi in gioco. Olga non solo non ha paura, ma è stata addestrata per riuscire a resistere a tutti i duri colpi che la vita può infliggerle. Non è un personaggio semplice, lei è un’artista, tra le tatuatrici più talentuose in circolazione, fissa e cancella i ricordi a seconda di ciò che desidera il suo cliente e cerca, come può, di passare inosservata. Olga non ama stare al centro dell’attenzione, vorrebbe essere un’isola, vorrebbe poter vivere isolata da tutto e da tutti, sola nel suo mondo, in attesa che si compia la cosa che più teme al mondo. Che l’Alzheimer arrivi e spazzi via tutti i suoi ricordi, proprio come è accaduto a sua madre.

La storia di Olga parte nel lontano 1993 e arriva ai giorni nostri, facciamo la sua conoscenza grazie ad alcuni flashback che ci mostrano le dimenticanze della madre, l’incontro con il padre e alcune scene del suo addestramento. Ma perché una ragazzina dovrebbe essere addestrata a restare invisibile, a estraniarsi dal mondo e a resistere al dolore? Cosa nasconde suo padre? Perché è così sfuggente? Lo si scoprirà dopo parecchie pagine e anche se non resterete stupiti della rivelazione vi lascerà la voglia di avere in mano subito il seguito per capire cosa accadrà.

Ma adesso concentriamoci sul presente, un’amica di Olga scompare e lei, pur avendo sempre giurato di non affezionarsi agli altri, pur avendo sempre cercato di tenere le persone a distanza, non può far finta di nulla, Melinda è sparita e lei deve scoprire cosa le è accaduto. Così si reca a Milano alla ricerca di una pista che le permetta di trovarla e salvarla perché una cosa è certa, Melinda è finita in qualcosa di più grande di lei.

Olga è pronta a tutto, anche mettere in pericolo la sua vita. Prima cosa da fare andare nel suo appartamento e cercare l’agenda di Melinda. La visita all’appartamento è un buco nell’acqua per quanto riguarda l’agenda, ma si ritrova con un gatto che non ha mai voluto, Remington, che le salva la vita e un uomo in mezzo ai piedi, altra cosa che non ha mai voluto. Gabriele Pasca che si presenta a lei come Filippo Lanzi dopo essere stato messo al tappeto. Appuntatevi questi nomi perché in questa storia avranno parecchia importanza.

Olga promette al gatto di andare a riprenderlo dopo essere stata al club e a Filippo chiede di levarsi dai piedi che di un mediatore immobiliare non se ne fa nulla e degli uomini in generale non ha una gran fiducia. Quello che ancora non sa è che Gabriele in breve tempo diventerà una costante della sua ricerca della verità e che la salverà nonostante dell’eroe abbia solo il bell’aspetto. Ma ve lo dico, è lui che si sottovaluta perché di pregi ne ha parecchi e Olga sarà costretta ad aprire gli occhi e capire che non tutti gli uomini sono uguali. Lo dicevano i tarocchi di Giacomina che nella sua vita stava per entrare il Matto e i tarocchi non sbagliano mai.

Durante la ricerca Olga finirà nei guai, ma capirà anche che non solo il suo tentativo di essere un’isola è miseramente fallito, ma ci sono tante persone che le vogliono bene e che non hanno nessuna intenzione di lasciarla andare nonostante i suoi tentativi di fuga.

La ragazza che cancellava i ricordi è un romanzo intelligente con una protagonista che adorerete, io mi sono innamorata della sua personalità così insolita e ammaliante, difficile davvero resisterle e il Pasca lo sa bene. Bella la contrapposizione tra i due protagonisti che fanno scintille fin dal primo rocambolesco incontro e pittoresco il corollario di personaggi che si muovono attorno a Olga. Tutto è bilanciato alla perfezione e l’azione non manca per cui lo promuovo a pieni voti e spero presto di leggere il seguito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.