La Hague e Mont Saint Michel. Diario di viaggio…#roadtonormandia4

  • auxerre e grenoble
    itinerario
  • 10 IMG_4306
    jobourg
  • 10 jobourg 2 copia
    jobourg
  • 10 jobourg copia
    jobourg
  • 10 SAM_1575
    jobourg
  • 11 auderville 0 copia
    la hague
  • 11 auderville 1 copia
    port de goury
  • 11 auderville copia
    la hague
  • 11 auderville faro copia
    la hague
  • 11 SAM_1610
    la hague
  • 11 pano faro copia
    la hague
  • 12 mont da alto copia
    mont saint michel
  • 12 mont passerella copia
    mont saint michel
  • 12 mont st michel copia
    mont saint michel
  • 12 SAM_1637
    mont saint michel
  • 12 SAM_1646
    mont saint michel
  • 13 fougeres crepe copia
    crepe
  • 13 fougeres galette copia
    galette

Programma intenso per questo quinto giorno di viaggio: Penisola de La Hague e Mont Saint Michel.

Schermata 2016-02-29 alle 10.14.22

Super rigenerati da una bella dormita ci mettiamo in viaggio per una giornata intensa che ci porterà a coprire le ultime tappe del nostro giretto in Normandia.

Direzione penisola de la Hague per scoprire la parte più aspra e selvaggia della Francia, vi sembrerà di essere arrivati in Irlanda con le sue scogliere a picco sul mare, i suoi pascoli verdi e i suoi minuscoli villaggi che ti fanno pensare di essere in un’altra epoca, è un posto incantato e se volete affrontare un vero viaggio alla scoperta della Normandia è una tappa obbligatoria proprio perché decisamente poco turistica.

Noi abbiamo deciso di fare due tappe per ammirare questa natura incontrastata, Nez de Jobourg, la scogliera più alta d’Europa in cui il vento che spira dal mare si fa sentire con tutta la sua furia e la manciata di case con il suo piccolo porto di soccorso imbarcazioni che corrisponde al nome di Goury, parcheggiata la nostra moto abbiamo fatto una bella passeggiata sulla spiaggia fino ad arrivare agli scogli di Cap de la Hague per ammirare il faro che si scorge in lontananza.

10 IMG_430610 jobourg 2 copia10 jobourg copia10 SAM_157511 auderville 0 copia11 SAM_161011 auderville 1 copia11 auderville copia11 auderville faro copia11 pano faro copia

Dopo questa parentesi selvaggia, che abbiamo molto apprezzato, ci tocca fare una cosa davvero super turistica…visitare Mont-Saint-Michel, insomma bisogna compensare!

Devo dire che ho trovato piuttosto triste il confronto tra le due realtà, a Mont-Saint-Michel mi è sembrato tutto preconfezionato e ho fatto fatica ad apprezzarlo a pieno, basti pensare che è l’unico posto in cui ho trovato le calamite che ho iniziato a collezionare da quando affrontiamo questi viaggi on the road, e questa cosa invece di riempirmi di gioia mi ha fatto un po’ deprimere (cavolo mi sa che ha ragione il mio moroso quando mi dicono che non sono mai contenta)!

Mont-Saint-Michel è riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità e meta di pellegrinaggi fin dal Medioevo ed è uno dei luoghi più visitati di tutta la Francia quindi potete immaginare la confusione che c’è, praticamente un flusso continuo di persone in cui t’immetti e se ti fermi sei perduto, comunque è di una bellezza unica e vale la pena di essere visitato, forse esistono orari migliori delle 15/16 del pomeriggio per riuscire a muoversi con più calma e poterlo ammirare meglio, probabilmente alla mattina presto e verso sera i turisti diminuiscono drasticamente e resta solo chi vi alloggia.

12 mont st michel copia12 mont da alto copia12 mont passerella copia12 SAM_164612 SAM_1637

Raggiungiamo l’hotel verso sera, ma il bello della Normandia è che le giornate sono un po’ più lunghe rispetto a noi e facciamo pure fatica a trovarlo perché non mi ero resa conto che fosse così lontano da Fougères, comunque il Brit Hotel du Parc, nonostante la posizione che non ti consente di raggiungere la città a piedi, è nuovo, bello e pulito con camere molto spaziose e un ampio parcheggio a disposizione degli ospiti.

Doccia veloce e poi via in moto a cercare qualcosa da mangiare a Fougères, bella città d’arte e di storia con il suo castello feudale con torri e bastioni testimonianza del Medioevo e offre romantiche passeggiate lungo il fiume e il bel giardino pubblico.

Qui per la prima volta in tutta la vacanza abbiamo assaggiato due specialità tipiche francesi, che da noi in Italia non sono per niente a questo livello, galettes e crepes, in una creperia dove fa tutto una signora da sola, davvero ottime.

13 fougeres crepe copia13 fougeres galette copia

Cosa ne pensate? Non vi viene voglia di mangiarle?

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. marzo 30, 2016

    […] giorno 5- Penisola de la Hague – Mont Saint Michel – Fougères […]

  2. ottobre 10, 2016

    […] il viaggio questi sono i link: Annecy e Troyes, Etrétat e Rouen, Honfleur e Omaha beach, La Hague e Mont Saint Michel, Auxerre e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.