È iniziato tutto per un tuo capriccio di Alissia Marv

è iniziato tutto per un tuo capriccio

Trama Beatrice è innamorata di Federico dai tempi della scuola, ma lui non l’ha mai notata, troppo preso a correre dietro ad altre ragazze. Lui è il prototipo d’uomo da cui lei dovrebbe stare lontana: allergico ai sentimenti, cinico e interessato solo al sesso. Bea però non è più l’adolescente timida e impacciata di una volta e, appena ne ha l’occasione, gli propone di essere amici di letto. Nessuna regola, nessuna pretesa, solo tanto divertimento. Federico accetta, scoprendosi attratto da lei non solo fisicamente ma anche mentalmente e provando ogni giorno di più un sentimento nuovo e devastante. Ora i ruoli si sono scambiati: è Beatrice a non volere più legami, spaventata dai sentimenti, dal suo lavoro di modella che la costringe sempre sotto i riflettori ma soprattutto da un passato oscuro che la perseguita e mina la sua voglia di lasciarsi andare e provare a essere felice. Federico non è disposto a rinunciare tanto facilmente a lei, ma il loro rapporto è in pericolo perché l’ombra del passato incombe a stravolgere la loro vita… e niente sarà più come prima.

Resteranno amici di letto o la situazione si farà più complicata del previsto? 

Nessuna regola, nessuna pretesa, solo tanto divertimento. 

è iniziato tutto per un tuo capriccio

Recensione di Karmen – È iniziato tutto per un tuo capriccio, secondo capitolo stand alone della “The Iron Series”, scritto da Alissia Marv ed edito Butterfly Edizioni.

Una favola romantica ai giorni nostri.

Ma ora conosciamo meglio Fede e Bea…

Federico Leonardi è un giovane architetto che lavora nello studio ben avviato dal padre, sexy e molto affascinante, donnaiolo impenitente che, non ha alcuna intenzione di mettere la testa posto. Una sera, in un locale, incontra Beatrice Giorgi, che gli butta le braccia al collo, stringendolo in un abbraccio caloroso.

Sulle prime non la riconosce, è così diversa dalla timida ragazza del liceo, mentre adesso è uno schianto, fa la modella. A fine serata questa si congeda con un caldo bacio sulle labbra, lasciandolo come se un’esplosione gli fosse arrivata direttamente nello stomaco.

Nei giorni seguenti non riesce a togliersela dalla testa, il sapore delle sue labbra ed il suo profumo non riescono a staccarsi dal corpo di lui. Così, prova a contattarla attraverso i social ma, non ottenendo però alcuna risposta. Fino a quando non riceve la sua telefonata nel quale fissa un appuntamento con lui per la sera stessa.

Escono per un aperitivo, parlano un po’ di loro stessi, ma a causa degli impegni di Bea per la mattina successiva, la serata si concluderà presto davanti alla casa di lei, con un nuovo bacio.

Mi stacco per riuscire a respirare.

«Scusa ma era dal liceo che avevo voglia di farlo», ripeto la frase che solo pochi giorni fa aveva pronunciato lei rubandomi quel nostro primo indimenticabile bacio.

«Davvero?»

I suoi occhi si illuminano.

«Hmmm veramente no».

Mi colpisce con un pugno sul braccio.

«Bugiardo!»

La sua voce è stizzita.

«Però ho voglia di rifarlo adesso».

Dopo quel bacio, Bea comunica a Fede che non vuole ulteriori complicazioni nella propria, pertanto è meglio non vedersi più…

Fede sarà in grado di lasciarla andare?

«Perché?», chiedo esitante. Abbassa un istante lo sguardo, le sue mani giocano nervose sulla mia nuca.

«Perché questi ultimi due anni sono stati pesanti e davvero difficili per me. Era come se stessi annegando e solo adesso sto lentamente tornando a galla. Quindi ho bisogno di ritornare a respirare e devo farlo da sola».

Le accarezzo una guancia.

«Ma gli amici servono soprattutto nei momenti di difficoltà, lascia che ti aiuti».

Mi guarda, alza un sopracciglio e sorride.

«Nessun amico mi aveva mai baciato così».

Abbasso lo sguardo, poi lo riporto nei suoi occhi.

«Beh, su questo hai ragione».

Qualche sera dopo però, Fede se la vede piombare alla sua porta, nemmeno una parola viene pronunciata che si trova travolto letteralmente con un bacio, Bea lo divora con le sue labbra e lui ricambia con altrettanto fervore, bocche affamate l’una dell’altra e corpi che combaciano perfettamente.

Finito il loro momento di passione, Bea scappa e poco fuori dalla vista di lui, gli invia un solo ed unico SMS con due semplici parole.

«Grazie. Scusa».

Provo a chiamarla, ma scatta subito la segreteria. Deve averlo spento. Mi passo una mano tra i capelli, frustrato.

«Cazzo».

Quattro giorni dopo, Fede si presenta alla porta di Bea e di nuovo la passione, scoppia dirompente ma, è anche arrivato il momento di parlare, così lei lo spiazza con una richiesta: diventare amici di letto.

«Senti, io non sono preparata mentalmente per una relazione stabile e immagino che sia la stessa cosa per te».

I suoi occhi sembrano scurirsi un attimo.

«Sì, sono d’accordo con te. Quindi che cosa proponi di fare?»

La sua voce non sembra tanto decisa come invece vuol far apparire. Gli prendo anche l’altra mano e faccio un passo indietro verso il letto, lui si lascia trascinare.

«C’è però una forte chimica tra di noi, un’attrazione potente. È quasi palpabile. Quando sei nella stessa stanza con me, tu la riempi solo con la tua presenza. Te ne sei accorto?»

Fa cenno di sì con la testa e io faccio un altro passo indietro in direzione del letto.

«Bene. Allora perché non la sfruttiamo appieno, visto che sembra funzionare così bene?»

Mi guarda diffidente, non ha capito il senso del mio discorso.

«Che cosa intendi?»

«Una sorta di amici di letto. Così, senza impegno. Quando ti va di stare con me, mi chiami, e lo stesso vale per me».

L’ho sorpreso ancora una volta e lo capisco perché questo tipo di relazione non fa per me, non sono così; al contrario, sono molto romantica, credo nell’amore eterno, nel per sempre, ma questo è l’unico tipo di relazione che posso pretendere da lui. Sembra pensarci un po’.

«Va bene. Ci sto»

Federico non può che accettare ma, l’attrazione nei confronti di Bea non è solo fisica, i sentimenti che prova per lei sono più forti, sconosciuti e devastanti al tempo stesso.

A ruoli invertiti, rispetto al passato, ora troviamo una Bea riluttante nel voler creare un legame, spaventata dai sentimenti ed un Federico propenso a non mollare, a coltivare quello che sta nascendo tra di loro.

Un ritorno dal passato incombe sulle loro vite mettendo a rischio quella di entrambi.

Riuscirà Bea a cambiare idea?

O sarà Fede a rinunciare al suo lieto fine?

Un romanzo molto scorrevole e di veloce lettura, all’insegna della spensieratezza, con un piccolo dramma di rapida soluzione.

Attraverso entrambi i POV, avremo modo di carpire le emozioni di entrambi i protagonisti, l’uno in contrasto con l’altra, Bea così diffidente e Fede contrariamente alle premesse iniziali, così innamorato e quindi non disposto a rinunciare.

Anche i personaggi secondari, sono un piacevole contorno nella vita dei due protagonisti, ti vien voglia di scoprire sempre di più su di loro, perché ognuno di loro ha una sua storia da raccontare. Mi auguro che l’autrice ci darà la possibilità di leggerla.

Non conoscevo Alissia e sfortunatamente non ho ancora avuto il piacere di leggere il primo capitolo ma rimedierò molto presto. Sapere che esisteva già la storia di Valentina e Luca ed io ne ero all’oscuro mi ha mi ha incuriosita parecchio, da non vedere l’ora di tuffarmici a capofitto.

Un libro che ti invoglia alla lettura sin dalla copertina, lo consiglio a chi crede nelle favole e a chi le sta vivendo.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published.