Aspettando te di Claudia Connor

Titolo: Aspettando te (Walker Series #1)

Autrice: Claudia Connor

Genere: Contemporary Romance

Nick Walker ha trovato Mia, la donna della sua vita, quando aveva solo diciannove anni.
L’ha trovata.
L’ha amata
L’ha persa.
Sono passati dieci anni da quando l’ha lasciata uscire dalla sua vita, ma l’agente dell’FBI è determinato a fare di tutto per averla indietro. Cosa tutt’altro che semplice, visto che è stato lui a spezzarle il cuore e ad allontanarla da sé, ferendola in modo irreparabile.
Ora il destino ha dato loro una nuova opportunità, ma per avere un futuro insieme, i due dovranno prima affrontare il passato con le sue verità nascoste.

Aspettando te

Recensione di Sara – Aspettando te di Claudia Connor, un contemporary romance autoconclusivo pubblicato il 14 Giugno da Triskell Edizioni.

Ho ben chiare in mente tre parole per descrivere questo libro: forza, dolore, speranza.
Se devo pensare a tre parole per descrivere Mia, direi: bontà, dolcezza, forza.
Se devo pensare a tre parole per descrivere Nick, non possono che essere: coraggio, rimpianti, determinazione.
Questo libro è un mix di emozioni, e ora proverò a spiegarvi cos’è stato capace di farmi provare.

“Non poteva sistemarsi, non nel modo in cui aveva in mente sua sorella, mai.
Perché lui aveva già trovato la sua persona speciale. La sola donna a cui sarebbe mai appartenuto. L’aveva trovata. E persa.”

La storia di Nick e Mia ha inizio quando erano entrambi due adolescenti,ed avevano appena superato i 18 anni. Solo che, nella vita di Nick, l’essere un adolescente al college si è rivelato fare da padre alla sorellina di due anni e ai fratelli più piccoli. Si è ritrovato con un’enorme responsabilità verso la sua famiglia dopo l’incidente dei genitori. Invece delle feste e le uscite si è ritrovato a casa a cucinare e a cantare canzoni alla sorellina. Invece di bere alcolici e pensare solo al divertimento e allo studio, la sua vita girava intorno alla sorella, ai fratelli, al mandare avanti una casa e le vite di tutti, vite spezzate dal dolore della perdita.
Nick si è assunto la responsabilità di tutto e tutti, ha fatto tutto da solo, finché nella sua vita è inciampata Mia, una ragazza così dolce, gentile e altruista da sconvolgere completamente il suo mondo.
Mia e Nick non hanno mai avuto i classici appuntamenti da adolescenti: niente cene fuori per loro. Niente uscite con gli amici o passeggiate la sera, niente cinema o baci rubati all’interno di una macchina in un posto isolato. Per loro c’era la quotidianità di Nick, piena di amore per i fratelli e Hanna, c’erano le stoviglie da mettere in ordine, il cucinare maccheroni al formaggio e i broccoli al vapore. Per loro c’era il leggere assieme alla bambina, farle il bagnetto dopo cena, guardare Nick e i fratelli ballare per Hanna prima che si addormentasse.
Per loro c’è stato un diverso tipo di rapporto, più unito e forte, finché tutto non si è spezzato, allontanandoli per sempre.

“Non importava che lui non sapesse che viveva lì. Avrebbe potuto trovarla, se avesse voluto. Dieci anni prima. Cinque. Uno. Ma non l’aveva fatto, e nemmeno lei aveva cercato di vederlo.”

Sono passati dieci anni dall’ultima volta in cui Mia ha guardato negli occhi l’unico uomo che abbia mai amato, l’unico a cui ha donato il suo cuore. Dieci anni da quando se n’è andata dalla casa di Nick, dieci anni da quando le sue parole l’hanno ferita, da quando i suoi gesti l’hanno spezzata per sempre. Ora Mia aiuta gli altri a superare il lutto, la perdita. Aiuta le persone perché ha sempre amato farlo, ma non è mai riuscita ad aiutare davvero se stessa. Si è ripetuta di essere andata avanti, ma è bastato incrociare nuovamente gli occhi con quelli di Nick per farle capire quante bugie si è raccontata in dieci anni.

“Mia non sapeva cosa potessero essere adesso. Sapeva solo cos’erano stati, e il suo cuore ricordava ogni singola goccia di sangue versato quando era finito tutto.”

A Nick è bastato trovarsi davanti Mia, l’unica donna a cui abbia mai donato il suo cuore, per capire che niente è passato, ma che tutto è ancora lì, dentro di lui, compreso ciò che gli ha divisi per sempre. Perdere Mia è stato straziante. Ora sono passati dieci anni e lei è ancora la donna più bella che abbia mai visto, lei è ancora l’unica.
Solo che Nick non ha idea di tutto ciò che è successo a Mia in dieci anni. Del dolore che ha conosciuto, della perdita che la ragazza deve affrontare ogni giorno.
Perché non sono solo i fantasmi del passato di Nick, Mia e Hanna a rendere impossibile un futuro per loro, ma qualcosa nel passato di Mia, qualcosa di così doloroso e impossibile da superare che rischierà di allontanarli per sempre.

“A volte il dolore era così totalizzante che l’amore, semplicemente, finiva. Non importava di chi fosse la colpa o quanto valide fossero le giustificazioni. Un cuore infranto rimaneva infranto, e ci voleva del tempo per rimetterlo insieme. Sempre che fosse possibile.”

Non posso svelarvi oltre di questa storia, perché merita di essere letta pagina dopo pagina. Perché dovete avere la possibilità di scoprirne ogni aspetto, ogni sfaccettatura. Dovete conoscere ogni lato di Nick e Mia, ogni fatto che ha condizionato il loro passato, ogni emozione che li ha legati e che, a distanza di dieci anni, ancora fa parte di loro. Un’emozione, l’amore, che potrebbe non bastare questa volta.
Il dolore è forte, così come il senso di colpa e i rimpianti. Lasciare andare il passato spesso richiede tempo, tempo che Nick e Mia potrebbero non avere.

“C’era stato un tempo in cui era stata certa che sarebbero sopravvissuti a qualunque cosa. Si era sbagliata.”

Consiglio questo libro a chi ama quel pizzico di dolore nelle storie, a chi ama e crede che il “nonostante tutto” esista, a chi vuole sognare e sperare.
Spesso i libri sono una sorpresa, sono capaci di stupirci. Questo libro è stato una sorpresa per me, perché mi aspettavo tutto tranne ciò che realmente accade.
Ci saranno momenti in cui vorrete prendere a schiaffi Nick. Urlargli di svegliarsi.
Ci saranno momenti in cui proverete pena e dolore per Mia, per tutto ciò che ha perso.
Ma ci saranno anche momenti pieni d’amore, in cui avrete solo voglia di vederli felici, insieme.

“Lei era sua. Era sempre stata sua. Il pensiero di un altro uomo.. Dopo tanto tempo, la gelosia non aveva senso. Ma non doveva averne. Quello che li legava non aveva mai avuto senso: c’era e basta. Ed era passato, anche se lui non lo sentiva come tale. Era tutto più presente che mai: le era proprio lì, in quel momento. Poteva sentirne il profumo. Gli sembrava addirittura di avvertire la consistenza serica dei suoi capelli che gli scivolavano tra le dita come acqua.”

bellissimo

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published.