Another Love. Storia di Oliver di Erich Segal

Another Love. Storia di OliverCi vuole coraggio per amare.
Ci vuole coraggio per ricominciare.
Si dice che nella vita di ognuno ci sia un unico grande amore. Per Oliver Barrett, quell’amore si chiamava Jennifer. Il tempo trascorso insieme è stato troppo breve, prima che il destino gliela portasse via, ma così intenso e speciale da valere una vita intera. Oliver ha poco più di vent’anni, tutti gli dicono che deve andare avanti e ricominciare a vivere, ma lui è convinto che non sia possibile, che non sia giusto. Non gli importa di uscire, vedere gli amici o fare nuove conoscenze. Il suo rifugio sono il lavoro e la corsa, per immergersi a capofitto nel presente e attutire l’eco del passato. Fino a quando incontra una ragazza così affascinante e misteriosa da attirarlo fuori da quel vortice di buio in cui è piombato. Con lei sembra rinascere qualcosa che sembrava essersi incrinato per sempre. E il futuro assume contorni inattesi. Perché solo l’amore può guarire le ferite di un cuore spezzato.

Recensione di Esmeralda – Another Love. Storia di Oliver di Erich Segal, romanzo pubblicato da Sperling & Kupfer il 12 febbraio e seguito di Love Story.

Ero molto curiosa di scoprire quale sarebbe stata la scelta di Erich Segal. Per molte lettrici, un uomo (o una donna) che perde la persona amata non dovrebbe mai più rifarsi una vita. Lo dimostrano le recensioni deliranti che sono state scritte mesi fa per Dammi mille baci di Tilly Cole, a mio modo di vedere finale peggiore non fu mai scritto. Io non ho paura di soffrire quando leggo un libro, spesso ricerco la sofferenza perché mi rende la lettura più vera e intensa, ciò che proprio non sopporto sono le scelte semplicistiche (e in quel caso assolutamente folli). Voglio che un autore decida di andare controcorrente, pretendo che non mi racconti una storiella solo per farmi stare serena così, quando ho visto che Sperling avrebbe pubblicato il “seguito” di Love Story, ho deciso di richiederlo alla CE e…non sono rimasta delusa dalle scelte dell’autore.

Oliver Barrett è consapevole di aver perso l’amore della sua vita, da allora (sono passati diciotto mesi) si è buttato anima e corpo nel lavoro. Lui crede davvero in ciò che fa e non predica bene per poi razzolare male. Questo dovete tenerlo bene a mente perché sarà un tema ricorrente nel romanzo. I diritti dei lavoratori sono importanti a ogni livello ed è proprio questo uno dei motivi che lo hanno portato ad allontanarsi dalla sua famiglia. Almeno fino a questo momento. Il passato pesa come un macigno e lui non vuole avere le mani sporche delle scelte dei suoi avi. Lui lotta e non molla mai. Ve ne renderete conto.

Da quando Jenny non c’è più Oliver ha ridotto al lumicino la sua vita sociale, ma ha dalla sua parte un importante alleato che non si arrende davanti alle sue reticenze: Philip Cavilleri, il padre di Jenny. Phil non vuole che Oliver si chiuda in se stesso, merita di rifarsi una vita e, per quanto entrambi non dimenticheranno mai la loro amata Jenny, devono concedersi un’altra possibilità di essere felici.

Il cuore di Oliver è chiuso ermeticamente e quando conosce una bravissima ragazza con una famiglia che lo accoglie a braccia aperte capisce di avere bisogno di aiuto per uscire da questa situazione di stallo. Il contatto con un’altra donna non lo interessa minimamente, si sente insensibile al fascino femminile…almeno fino al giorno in cui incontra una donna che lo tiene sulla corda e svela poco di se stessa. Questa donna è un enigma che è interessato a risolvere ed è anche molto attraente.

La conoscenza procede, cercano in ogni modo di incontrarsi nonostante siano molti gli impegni che li tengono separati. Ma sarà arrivato davvero per Oliver il momento di aprirsi e tornare ad amare? Questo non posso svelarvelo, ma ciò che posso dirvi con assoluta certezza è che Oliver compie una grandissima crescita. Da ragazzo diventa uomo e questo perché permette al suo cuore di aprirsi e ai suoi occhi di vedere realmente ciò che gli accade attorno senza restare ancorato agli errori del passato.

Ho apprezzato che Erich Segal abbia dato nuova vita a un personaggio che altrimenti sarebbe rimasto incompiuto e mi sono piaciute le dinamiche che ha creato in Another Love. Mi ha permesso di affezionarmi nuovamente a Oliver, di comprendere le sue paure e di vedere come il suo cuore resterà sempre puro nonostante la batosta che ha subito. Per cui smeraldi se avete amato Love Story non potete perdervi La storia di Oliver.

4 stelle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.