703 volte tua di L.F. Koraline

Segnalazione Newton Compton - 703 volte tua L.F. Koraline

Trama Eden è disposta a dimenticare tutto e a seguire il suo Damon in Mississippi ma, davanti alle porte della Blake Finance Corporation, riceve una sconcertante notizia.
Il suo mondo si ferma.
Un brutto incidente, ancora una volta, potrebbe distruggere tutta la sua vita.
L’abbraccio di Sean è il suo unico conforto, l’unico riparo.
Lui le chiede di dimenticare, di ricominciare, ma lei non è pronta ad arrendersi, perché qualcosa la spinge a credere che nulla è come sembra…
Tra rivelazioni inaspettate e scoperte sconcertanti, Eden dovrà scegliere: arrendersi al destino o lottare per la verità?

703 volte tua

Allerta Spoiler… Forse

Recensione di Karmen – 703 volte tua di L.F. Koraline capitolo conclusivo della trilogia 703 pubblicata da Newton Compton in uscita oggi, 13 settembre. Qui le recensioni di 703 ragioni per dire sì e Suite 703.

Si può ricominciare a vivere dopo aver perso l’Amore della propria Vita?

Ci si può rassegnare alla morte e legarsi ad un’altra persona per l’eternità?

Forse è meglio farla finita per sempre, perché è impossibile vivere senza l’altra metà del proprio cuore.

Smeraldine questa recensione per me è stata veramente dura, evitare lo spoiler è stato difficilissimo.

Cosa ci fa la nostra Eden sul cornicione di un hotel di Las Vegas, in abito da sposa?

Quella di stanotte potrebbe essere l’ultima grande beffa del mio assurdo destino. Potrebbe essere il folle  salto che mi riporterà da lui…

Un balzo… e lo riavrò.

«Damon, eccomi… sto arrivando». Vuoto, vuoto, vuoto…

Facciamo un passo indietro…

5 mesi prima…

Dopo l’arrivo della terribile notizia (chi ha letto Suite703 sa a cosa mi riferisco), la Vita di Eden si ferma, incredula su ciò che è accaduto, non riesce a rassegnarsi alla verità, non può aver perso l’Amore della propria Vita.

Ma…

Mr.703 non ha lasciato nulla al caso, consapevole di avere numerosi nemici, ha lasciato disposizioni ben precise nell’eventualità gli fosse successo qualcosa. Disposizioni che oggi più di ieri tengono legata Eden a lui e a New York, perché con o senza di Damon Blake il gioco continua…

Ti chiedo 703 giorni di silenzio e ti regalo 703 possibilità, una per ogni giorno che resterai. 703 giorni a partire da ora. 703 giorni a te, per scegliere di restare e di vivere la tua vita come io avrei voluto, e 703 giorni a me, per essere assolutamente certo che dall’inferno non si torna indietro. La vita è fatta di possibilità, piccola. Tanti anni fa qualcuno ne ha data una a me e, nel bene e nel male, io ho scelto come utilizzarla. Oggi, io sto dando quella stessa possibilità a te. Decidi tu cosa farne. Ti amo, piccola strega. Ti amerò per sempre… Ti amerò anche dopo la morte e… che il gioco abbia inizio.

Confortata dalle calde e amorevoli braccia di Sean, unica persona che le è rimasta, inizierà a occuparsi insieme a lui della Blake Finance Corporation, sempre una al fianco dell’altro, giorno e notte, tra scoperte sconvolgenti ed il desiderio di curare il dolore tra le mura dell’Inferno.

«Solo qualche ora fa ti ho chiesto di andare via di qui, di non restare, di non fidarti di me… ma la verità è che non sono pronto a vederti andare via. Non senza di me. Eden, devi guardare in faccia la realtà: Damon non tornerà. Noi dobbiamo lasciarlo andare. Le indagini sono chiuse e domani ci sarà il suo funerale. Damon non tornerà».

Il forte desiderio di ricominciare senza dimenticare, di costruire qualcosa di diverso con un’altra persona, la disperazione, la rassegnazione, la Vita e la Morte, due facce della stessa medaglia legate insieme da un sottilissimo filo di speranza.

Sono rimasta di nuovo sola al mondo, Sean.

Ti sbagli, piccola. Ti sbagli ancora una volta. Esattamente come allora, ti ripeto che non sei sola. Ci sono io accanto a te. Mi dispiace solo che tu non te ne renda conto.

Riusciremo mai a dimenticare?

Non dobbiamo dimenticare, Eden, dobbiamo solo ricominciare.

Ce la farà Eden a ricominciare senza Damon?

Che ne è stato della persona che inviava le rose?

Ma… tutto è realmente come sembra?

Ogni mistero ci verrà svelato, tutti i tasselli andranno al loro posto, o quasi…

Un mix di suspense, dolore, disperazione ma anche tanto Amore, Amore fraterno, Amore Viscerale, Amore non corrisposto.

Tutto questo e molto altro ci attende nell’ultimo capitolo di questa meravigliosa trilogia.

Koraline hai superato te stessa! Sei diventata la mia droga, ogni parola, ogni frase, ogni capitolo, mi ha legata indissolubilmente ai personaggi da te creati.

Ho pianto (lo ammetto) mi sono disperata, ho imprecato, ho patito il freddo (anche con 27° fuori) e mi sono innamorata, scoprendo, per l’ennesima volta, cos’è l’Amore. Ogni bigliettino, ogni lettera, ogni messaggio, ogni tappa un tuffo al cuore…

Potrei scrivere molto altro ancora ma… sono arrivata al limite.

Che limite?

Ma ovvio, il limite che mi ero imposta. Ed ora starà a voi contare quante parole ho utilizzato…

Un aiutino?

Un numero da uno a mille, di tre cifre, che non sia uno e che non sia mille…

Giudizio Ovviamente

You may also like...

1 Response

  1. Manu says:

    Ovviamente hai usato 703 parole . Complimenti bellissima recensione

Leave a Reply

Your email address will not be published.